Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Lavoro

BANKITALIA: PRIMATO DEI SENZA LAVORO ALLA SICILIA

BANKITALIA: PRIMATO DEI SENZA LAVORO ALLA SICILIA

Presentato il rapporto di Bankitalia sull'andamento dell'Economia in Sicilia nel primo semestre 2014: La crisi attanaglia sempre più l’isola, le imprese licenziano o sono ferme, quindi non assumono; da gennaio a giugno di quest'anno, gli occupati sono diminuiti del due percento rispetto ai primi sei mesi del 2013.

Print Friendly, PDF & Email

 

BANKITALIA: PRIMATO DEI SENZA LAVORO ALLA SICILIA –

Bankitalia. Stamane è stato presentato nel capoluogo siciliano il rapporto di BanKitalia sull’andamento dell’Economia in Sicilia nel primo semestre 2014. La crisi si appalesa sempre più, le imprese licenziano o sono ferme e quindi non assumono e nell’isola, da gennaio a giugno di quest’anno, gli occupati sono diminuiti del due percento rispetto ai primi sei mesi del 2013. Sebbene la percentuale risulti dimezzata (era -5,3% nel 2013), rispetto allo scorso anno 37 mila persone hanno perso il lavoro e il tasso di disoccupazione ha raggiunto quasi il 23% (attestandosi al 22,9). Il dato fornito da Bankitalia fa scattare alla Sicilia il primato negativo nella graduatoria nazionale, per la percentuale più alta in Italia di disoccupati e di quella registrata nel Mezzogiorno. Le notizie confermano che da gennaio a settembre di quest’anno è aumentato il ricorso alla cassa integrazione in deroga e alla cig straordinaria (+10.1%), mentre è diminuito il ricorso alla cig ordinaria (-24,9%). I settori nei quali è cresciuto più di altri il ricorso al paracadute sociale sono: servizi di trasporto, telecomunicazioni, industria meccanica. In calo, invece, il ricorso alla cig nell’industria manifatturiera, nell’edilizia e nel commercio. Invece, il triste primato che riguarda il lavoro, le statistiche confermano che a perderlo sono più gli uomini (-3,7%) che le donne (-1%), così come i lavoratori autonomi (-3,6%) che i dipendenti (-2,5%). I settori più colpiti sono le costruzioni (-7,2%) e i servizi (-2%) mentre si registra un modesto recupero degli occupati nell’industria in senso stretto (1,2%). Il tasso di occupazione è pari al 39% mentre le persone in cerca sono 27 mila (+7,5%), la maggior parte delle quali senza una precedente esperienza lavorativa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook