Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: COMMISSIONE BLOCCA TAGLI ALLA SANITÀ

ARS: COMMISSIONE BLOCCA TAGLI ALLA SANITÀ

La commissione Sanità dell'Ars, con il parere favorevole della giunta regionale approva la risoluzione che riordina la rete ospedaliera in Sicilia. La decisione sblocca anche i concorsi e rimette in gioco 10 mila assunzioni per un migliaio i medici riportando tutto in discussione; salvi 400 posti letto e 8 ospedali.

Print Friendly, PDF & Email

 

ARS: COMMISSIONE BLOCCA TAGLI ALLA SANITÀ –

Ars. Stop al taglio di 400 posti letto e 8 ospedali. Col parere favorevole della giunta regionale, la commissione Sanità dell’Ars, presieduta da Pippo Digiacomo (Pd), ha approvato la risoluzione che riordina la rete ospedaliera siciliana stabilendo una griglia di valutazione delle unità operative in base alla quale saranno definiti i posti letto da razionalizzare. La decisione impegna il governo a inserire le modifiche all’interno del piano che dovrebbe essere pubblicato nella Gazzetta ufficiale e sbloccando i concorsi nella sanità, così come ha spiegato Digiacomo dopo la seduta: “il via libera in Commissione sanità dell’Ars, con l’approvazione della risoluzione del parere favorevole del governo, al piano di riordino della rete ospedaliera sblocca i concorsi nel settore per oltre 10 mila assunzioni, un migliaio tra i medici”. Inoltre, i deputati Giuseppe Picciolo e Salvatore Lo Giudice evidenziato che “si tiene conto del parere del Consiglio di Stato che sposta al 2017 l’applicazione dell’accordo tra governo e Regioni. Viene quindi scongiurato il depotenziamento di alcuni ospedali siciliani che sarebbero diventati ospedali di comunità. Questi ultimi avranno pari condizioni sulla base degli strumenti che l’assessore individuerà sulla appropriatezza delle prestazioni erogate e sulla efficienza e qualità delle stesse”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook