Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BLITZ DEI CARABINIERI, 23 ARRESTI

CATANIA: BLITZ DEI CARABINIERI, 23 ARRESTI

Nelle prime ore del mattino i carabinieri del Ros hanno effettuato una maxi operazione contro cosa nostra. La mafia controllava trasporti, edilizia e distribuzione alimentare, facendo affari con imprenditori e politici. Gli uomini dell’Arma hanno sequestrato beni per 50 milioni di euro. Sono 23 gli arresti eseguiti.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: BLITZ DEI CARABINIERI, 23 ARRESTI-

Catania. Questa mattina alle prime ore dell’alba, i Carabinieri del Ros hanno eseguito nella provincia di Catania un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il mandato è stato emesso su richiesta della locale Procura distrettuale antimafia, nei confronti di 23 indagati per associazione mafiosa, estorsione, illecita concorrenza e intestazione fittizia di beni. Al centro delle indagini del Ros, l’infiltrazione della mafia nei settori dei trasporti marittimi e terrestri, dell’edilizia e della grande distribuzione alimentare. L’inchiesta della Dda di Catania ha permesso di raccogliere importanti elementi sulla potenziamento di cosa nostra, confermando la particolare vocazione imprenditoriale dei mafiosi. I settori sono in particolare quello dei trasporti e del commercio delle carni nella grande distribuzione, come ad esempio la catena del Gruppo 6Gdo, confiscata a un presunto prestanome del boss Matteo Messina Denaro. Nelle attività relative alla vendita delle carni per la grande distribuzione sarebbero emersi interessi dell’associazione mafiosa per le aziende di Carmelo Motta, che gestivano le macellerie negli hard discount a marca Fortè, per le aziende di Giovanni Malavenda, che gestivano le macellerie in numerosi supermercati del gruppo Eurospin Sicilia. Nel corso delle indagini sono stati documentati anche rapporti collusivi con imprenditori e amministratori locali. Sequestrati beni aziendali e quote societarie per circa 50 milioni di euro, tra i quali 31 imprese e i relativi beni strumentali, sette immobili e quattro autoveicoli. I sequestri sono stati compiuti a Catania, Palermo e Messina e nelle province di Napoli, Mantova e Torino.

Dalle indagini è stata individuata l’attività di Francesco Caruso e Giuseppe Scuto, i quali, avrebbero intrattenuto rapporti con affiliati alla mafia catanese e agrigentina e con esponenti della politica. L’indagine degli inquirenti si è concentrata nel 2008, in particolare sulla costituzione del Partito nazionale degli autotrasportatori, nato ‘per preservare gli interessi di cui erano portatori per conto proprio e di altri, ad esempio per avviare canali privilegiati con la pubblica amministrazione nell’intento di incassare i cosiddetti ‘ecobonus’ che avrebbero messo a disposizione dell’allora presidente della Regione Raffaele Lombardo in occasione delle elezioni europee del 2009. Inoltre, dalle ricerche è anche venuto fuori che la mafia catanese, attraverso la società ‘Servizi autostrade del Mare’ aveva stipulato con ‘Amadeus Spa’, azienda riconducibile ad Amedeo Matacena, un contratto di affitto di tre navi da utilizzare come vettori per i collegamenti tra la Sicilia e la Calabria. Il procuratore della Repubblica di Catania Giovanni Salvi ha evidenziato che “Per lunghi anni la presenza di infiltrazioni mafiose nelle attività politiche e stata sottovalutata certamente. Spero che oramai si sia compreso che debba esservi una vera e propria barriera – ha detto – di questo i cittadini dovrebbero essere i primi custodi”. L’indagine ha messo in evidenza, l’attività di due imprenditori, Francesco Caruso e Giuseppe Scuto, che risultano tra gli arrestati. Essi avrebbero intrattenuto rapporti con esponenti della politica, tra cui Giovanni Cristaudo e Raffaele Lombardo, indagati nell’indagine Iblis e condannati in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa. Salvi, concludendo ha detto: “Un bel lavoro fatto dal Ros che ha esaminato i rapporti di cosa nostra con l’imprenditoria, in particolare con alcuni settori come il trasporto, e consentito di individuare alcuni legami con la creazione del partito nazionale dell’autotrasporto che concorreva alle elezioni in appoggio alla lista Lombardo”.

Gli arrestati nell’operazione “Caronte”:

Rosario Bucolo, di 40, Marco Maria Antonio Anastasi, di 27, Sergio Cannavò, di 41, Francesco Caruso, di 43, Vincenzo Enrico Augusto Ercolano, di 44 anni, Alfio Maria Aiello, di 55 anni, Francesco Guardo, di 65 e il figlio Michele, di 42, Santo Massimino, di 63, Carmelo Motta, di 55, Natale Raccuia, di 41, e Pietro Virga, di 49. Ai domiciliari sono stati posti Orazio Lo Faro, di 40, Giovanni Malavenda, di 42, Giovanni Pastoia, di 46, Luigi Calascibetta, di 68.

Provvedimenti restrittivi in carcere sono stati notificati:

a Bernardo Cammarata, di 42anni, ad Alfio Catania, di 48, Vincenzo Maria Aiello, di 51 anni, fratello di Alfio Maria, a Mario Ercolano, di 38, cugino di Vincenzo, Giuseppe Scuto, di 51 e Camillo Pulvirenti, di 54anni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook