Archiviato in | Incontri, Musica, Spettacolo

ROCCO HUNT ‘BRAVO RAGAZZO DI SEMPRE’ – INTERVISTA

ROCCO HUNT ‘BRAVO RAGAZZO DI SEMPRE’ – INTERVISTA

Il vincitore dello scorso Festival di Sanremo, nonostante più di 800mila fan sulla sua pagina facebook ed un tour estivo che ha fatto registrare più di 50 date sold out, è rimasto il “bravo ragazzo” di sempre. Un artista che si può definire con la “A” maiuscola, ma che ha abbracciato, baciato e salutato tutti i suoi fan.

Print Friendly, PDF & Email

 

ROCCO HUNT ‘BRAVO RAGAZZO DI SEMPRE’ – INTERVISTA –

Rocco Hunt. Grandissimo successo di pubblico per l’instore di Rocco Hunt ad Etnapolis, grazie ad un evento organizzato da Media World e presentato da Sabina Rossi. Il vincitore dello scorso Festival di Sanremo, nonostante più di 800mila fan sulla sua pagina facebook ed un tour estivo che ha fatto registrare  più di 50 date sold out, è rimasto il “bravo ragazzo” di sempre. Un artista che si può definire con la “A” maiuscola, ma che ha abbracciato, baciato e salutato tutti i suoi fan. Una disponibilità che lo ha reso un simbolo da seguire per molti giovani.

Ritorni protagonista a Catania, qual è il rapporto con la nostra isola?

“Dopo la Campania, la Sicilia è la regione che mi da più calore e più supporto. C’è sempre stata una linea diretta tra la Campania e la Sicilia. Una trasferta non tanto lontana da casa. Ho un forte rispetto e stima per tutti coloro che mi supportano dal Sud, nelle mie canzoni ho citato anche la Sicilia e i suoi problemi. Credo che sia una delle regioni più bella d’Italia, anche a livello artistico e culturale. La Sicilia ha un tocco arabo che in Italia non c’è”.

Come nasce “A verità 2.0” ?

“Dal voler raccontare i problemi che affliggono il sud Italia. Voler raccontare la verità ed anche la ricerca della verità. Un percorso che nasce da “Nu Juorno Buono”.

Oggi erano presenti molti adolescenti, pensi a loro quando scrivi i tuoi testi?

“Si, soprattutto quando scrivo le parolacce e poi le cancello. Però, devo fare un compromesso perché ho un pubblico sia molto giovane che un pubblico esigente della cultura hip hop. Amo ponderare il linguaggio nei miei dischi”.

Come ti spieghi questo improvviso successo  in Italia dei rapper?

“Credo che sia nato come una moda nel 2005. Il segreto è che l’hip hop ti fa rappresentare. Non c’è nessun altro tipo di musica che parla come i rapper. I ragazzi hanno bisogno di stare al passo con i tempi. Un cantautore non può fare mai una canzone che parla di whatsapp e di temi legati al pubblico che li ascolta. Noi si.”.

Ritornerai sul palco di Sanremo?

“Non credo di esserci, perché voglio prendermi uno stop da quest’anno folgorante. Preferisco stare a riflettere e scrivere nuovi testi. Non voglio essere il rapper di Sanremo. Spero che venga preso Clementino e tiferò per lui”. Recentemente ti abbiamo visto a Ballando con le stelle.

Meglio cantante o ballerino?

“ Sicuramente il cantante. Mi sono prestato a questo ruolo ma la mia dimensione è il rapper. Il ballo è un po lontano da me”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook