Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: ROS CONFISCA 10MLN A IMPRENDITORE LOCALE

CATANIA: ROS CONFISCA 10MLN A IMPRENDITORE LOCALE

Maxi confisca a Francesco Pesce 62 anni imprenditore vicino alle famiglie Santapaola-Ercolano. Ammontano a 10 milioni di euro i beni requisiti dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Catania all’imprenditore ritenuto vicino al clan. Dalle indagini sono emersi stretti legami con Enzo Aiello, rappresentante provinciale di Cosa nostra che avrebbe pagato lo "stipendio" alla famiglia del boss quando era detenuto. Il provvedimento di confisca dei beni è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania su richiesta della locale Procura distrettuale.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: ROS CONFISCA 10MLN A IMPRENDITORE LOCALE –

Catania. Mega confisca di Beni eseguita dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Catania, il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Catania su richiesta della locale Procura distrettuale. Si tratta di 10 milioni di euro l’ammontare del sequestro a Francesco Pesce, 62 anni, ritenuto vicino al clan Santapaola-Ercolano. L’imprenditore sarebbe stato legato a Enzo Aiello, rappresentante nella provincia etnea di cosa nostra, alla cui famiglia avrebbe versato uno ‘stipendio’ mentre il boss era detenuto. Arrestato il 3 novembre del 2010 nell’inchiesta Iblis, è stato condannato in primo grado a 12 anni di reclusione. La confisca sono due imprese, due quote societarie e 26 immobili. Secondo quanto appurato dai carabinieri del Ros nell’ambito dell’inchiesta Iblis, coordinata dalla Dda della Procura di Catania, Pesce sarebbe stato un imprenditore legato in maniera simbiotica alla famiglia di Cosa nostra etnea. Inoltre, avrebbe intrattenuto uno stretto e fidato rapporto con l’allora esponente della cosca Vincenzo Aiello con il quale avrebbe condiviso interessi economici che avrebbero coinvolto anche rappresentanti di spicco della stessa famiglia mafiosa. come emerso da intercettazioni in carcere, Pesce avrebbe pagato lo “stipendio” alla famiglia di Aiello quando quest’ultimo era detenuto e sarebbe stato suo socio occulto in una società che effettuava lavori edili. Ancora Pesce si sarebbe adoperato fattivamente per consentire al ramo imprenditoriale di Cosa nostra, capeggiato da Aiello, l’inserimento in rilevanti affari. Dalle indagini sarebbe emerso che Pesce era utilizzato da Aiello per fissare degli appuntamenti con imprenditori e, comunque, per discutere di fatti attinenti all’organizzazione. E proprio nell’ambito di questo ruolo l’imprenditore è accusato di avere svolto un importante ruolo di intermediazione con il responsabile della logistica di una azienda attiva nella grande distribuzione, in una vicenda che interessava cosa nostra etnea e palermitana, questa ultima all’epoca rappresentata dall’allora latitante Salvatore Lo Piccolo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook