Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MALTEMPO SICILIA: SI CONTANO I DANNI. CROCETTA AD ACIREALE

MALTEMPO SICILIA: SI CONTANO I DANNI. CROCETTA AD ACIREALE

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta si recherà domani ad Acireale, dove la giunta regionale terrà un vertice esclusivamente nella città che ha subito i danni più pesanti dalla tromba d'aria che ha colpito ieri la parte jonica della Sicilia. Nel pomeriggio allarme rosso a Catania. La situazione resta critica anche per i disagi provocati dalla tromba d'aria che si è abbattuta nella città etnea ad Acireale e nei dintorni. Fino a stanotte previste pioggie intense, raffiche di vento e temporali. Il sindaco di Acireale Barbagallo si è rivolto al presidente della Regione chiedendo a Crocetta: “lo stato di calamità e aiuti immediati". Scuole chiuse nell'hinterland, mentre i social network tuonano contro Bianco. Anche il rettore dell’Università di Catania, Giacomo Pignataro, ha disposto a scopo precauzionale, la sospensione di tutte le attività didattiche

Print Friendly, PDF & Email

 

MALTEMPO SICILIA: SI CONTANO I DANNI. CROCETTA AD ACIREALE –

Maltempo in Sicilia. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta si recherà domani ad Acireale, dove la giunta regionale terrà un vertice esclusivamente nella città che ha subito i danni più pesanti dalla tromba d’aria che ha colpito ieri la parte jonica della Sicilia. Per oggi la protezione civile ha previsto il codice rosso sono attesi altri forti burrasche su tutta la Sicilia orientale. Intanto, Crocetta, così come aveva richiesto il sindaco Roberto Barbagallo, dovrebbe dichiarare lo stato di calamità. Prima della riunione Presidente e Sindaco, si recheranno per una visita dai cittadini costretti ad abbandonare le proprie abitazioni, scoperchiate dal vento. Crocetta stamane ha parlato al telefono con alcuni sindaci delle città più colpite per esprimere la sua solidarietà. Lo ha reso noto con una dichiarazione “Avrei voluto recarmi in quelle zone già oggi, ma sono stato costretto a rimanere a Roma per problemi allo scalo di Fiumicino, dovuti proprio al maltempo”.

Stamane su Catania l’aria di scirocco si è calmata mentre il cielo resta nuvoloso e piviggina a tratti. Intanto, le previsioni dei metereologi sono preoccupanti: rovesci di forte intensità, raffiche di vento e temporali che dovrebbero intensificarsi nella seconda parte della giornata, fino a notte. Nel frattempo a Catania e provincia, compresa la vicina Acireale grande cittadina poco distante dalla città etnea si contano i danni provocati ieri dalla tromba d’aria che ha interessato il quartiere Ognina disancorando una struttura di condizionamento di alcune tonnellate posta sul tetto di un centro fitness facendola precipitare sulla strada. Coinvolta anche la cittadina acese, entrambe colpite dal piccolo ciclone che ha anche interessato la zona di Via Dusmet, provocando ingenti danni ad automobili, abitazioni e strutture, lo sradicamento di una grande pianta che è rovinata sulla costruzione di un distributore di benzina causando il ferimento, in maniera lieve, di quattro persone. Ad Acireale la conta dei danni è grave e sembra che ci siano anche sfollati a causa di alcune abitazioni divenute inagibili. Il Comune sta preparando la palestra del liceo scientifico Archimede mentre il convento dei padri camilliani ha messo a disposizione alcune stanze per accogliere chi non può fare rientro nella propria casa. Intanto, al pronto soccorso della cittadina acese quattro casi di feriti non gravi, medicati e dimessi in giornata. Il sindaco Barbagallo, che ieri aveva messo in guardia la popolazione, oggi parla di calamità, proclamando l’allerta meteo per le prossime 24/36 ore. Del caso Acireale si sta già interessando la giunta regionale su disposizione del presidente Crocetta.

Intanto a Catania infuria la polemica per la gestione dell’emergenza. L’ufficio di gabinetto, diretto da Massimo Rosso, ieri sera alle 21.15, smentendo le previsioni degli esperti, aveva diramato una nota stampa nella quale smentiva ogni voce di possibile allerta meteo. Pur avendo sotto gli occhi la situazione, il Comune continua sostenere secondo il bollettino diffuso ieri dalla Protezione civile, non era previsto alcun allarme meteo. Intanto una comunicazione del Comune spiega che: “Ieri i funzionari dell’Ufficio comunale della Protezione civile, confrontandosi con i meteorologi di Meteosicilia-Admi, avevano appreso che sul territorio catanese era previsto che oggi cadessero quindici millimetri di pioggia – La previsione si è rivelata sovrastimata visto che la quantità di pioggia ha oscillato tra gli 0,5 mm della zona industriale e i 26 mm della zona di Canalicchio. Nella zona di Acitrezza, invece, sono caduti 110 mm di pioggia e in quella di Acireale 120”. Nella nota i funzionari comunali aggiungono: “Gli esperti avevano fatto cenno, genericamente, a venti di burrasca sul mare, ma non potevano certo parlare, perché non sono eventi prevedibili, di trombe d’aria, come quella che ha colpito la zona di Cannizzaro, o del funnel cloud – un piccolissimo ciclone estremamente circoscritto e raro – abbattutosi su piazza Borsellino. Ieri, comunque, per evitare l’allarme causato da voci diffusesi tra la popolazione l’Ufficio di Gabinetto del Comune di Catania, alla luce dei bollettini emessi e con il conforto degli esperti, aveva rassicurato sulle condizioni atmosferiche previste per oggi. Anche oggi sulla situazione metereologica e su eventi a essa collegati si sono susseguite voci incontrollate, anche sul web, dove è stato persino diffuso un falso post del Sindaco per il quale è già stata presentata una denuncia alla Polizia postale, che sta indagando per individuare i responsabili”.
Polemiche e ilarità sui social network anche per le parole del sindaco che ha individuato la palestra Virgin, “tecnicamente ad Aci Castello”.

Oggi a Catania provvedimenti drastici. Scuole chiuse e divieto di circolazione dei mezzi a due ruote. Inoltre, Bianco invita i catanesi a rimanere in casa e a non uscire se non in caso di assoluta necessità soprattutto nelle ore pomeridiane e serali quando è previsto un peggioramento delle condizioni meteorologiche. In Sicilia, infatti, oggi è codice rosso. Scuole chiuse anche ad Acireale, Acicastello, Aci Catena, Belpasso, Paternò, Tremestieri Etneo, Riposto, Sant’Agata Li Battiati, San Gregorio, San Giovanni La Punta, Misterbianco, Zafferana Etnea. Il rettore dell’Università di Catania Giacomo Pignataro ha disposto, a scopo precauzionale, la sospensione di tutte le attività didattiche (lezioni, esercitazioni, esami) nelle strutture nei giorni 6 e 7 novembre.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook