ALFONSO SIGNORINI SI RACCONTA – INTERVISTA

ALFONSO SIGNORINI SI RACCONTA – INTERVISTA

Alfonso Signorini ha scelto la città di Catania per raccontarsi senza segreti. All’interno di Panorama d’Italia, che si sta svolgendo in questi giorni a Catania, Signorini ha narrato i suoi 50 anni attraverso il suo libro “L’altra parte di me”.

Print Friendly, PDF & Email

 

ALFONSO SIGNORINI SI RACCONTA – INTERVISTA ESCLUSIVA PER INFORMASICILIA –

Dopo una lunga assenza dal mondo televisivo dovuta alla malattia, Alfonso Signorini ha scelto la città di Catania per raccontarsi senza segreti. All’interno di Panorama d’Italia, che si sta svolgendo in questi giorni a Catania, Signorini ha narrato i suoi 50 anni attraverso il suo libro “L’altra parte di me”.

In queste ore si parla solo delle foto pubblicate sul settimanale “Chi” del ministro Marianna  Madia che mangia un cono gelato. Tutto accompagnato dal titolo “Ci sa fare col gelato”. C’è chi chiede che lei venga radiato dall’ordine dei giornalisti. Come replica?

“Non era nulla di ambiguo dal punto di vista sessuale. Accusarmi di sessismo o di persecuzione credo sia assurdo. Questa gente che oggi mi critica, per mesi ha marciato sul calippo della Francesca Pascale. Lì non è successo nulla. Sul gelato della Madia invece si è scatenato tutto questo.  Per non parlare di tutta quelle testate infamanti che per anni hanno parlato della giarrettiera della Brambilla a Porta a Porta.  Tutta questa gente che critica deve mangiarsi qualche cono gelato in più. E poi, io, una che mangia il gelato come Marianna Madia non l’ho mai vista, eh..”.

Nel suo libro descrive incontri lavorativi con persone che realmente le interessavano ben poco. Allora, meglio lavorare per vivere o vivere per lavorare?

“Quando si ama il proprio lavoro è una bella vita. Io ho amato, amo e continuerò ad amarlo. Però, anche lavorare per vivere. Le gioie della vita sono altre, bisogna avere la maturità per capirlo. Io l’ho capito un po’ tardi, però adesso  mi so prendere i miei spazi”.

Lei si è allontanato dalla vita pubblica a causa della sua malattia. Com’è cambiato dopo aver scoperto la leucemia?

“La vita cambia, è stato uno scontro frontale a 300 all’ora. Non è bello dipendere da una medicina. Devi risolvere il problema che la tua vita sia legata ad una cura. Questa condizione è difficile da accettare.  Questa cosa mi è capitata nel momento di maggior lavoro per me, mia madre non stava bene, dirigevo due giornali e facevo quattro programmi televisivi.  Forse è stato il prezzo da pagare. Ho ripreso la mia vita in mano perché sentivo il tempo che mi sfuggiva. Adesso, però,  credo che è bello convivere con la malattia. È un dono”.

 Nel suo libro racconta di tanti personaggi, ma c’è qualcuno a cui è più legato?

“Non sono legato ai personaggi ma alle persone.  Rispetto a tutti i personaggi che conosco, nel libro nomino poche persone. Quelle poche che sono nominate per me sono persone e non personaggi”.

In questi giorni si sta vociferano un suo ritorno all’isola dei famosi su Canale 5. Possiamo confermarlo?

“ Non confermo niente perché non spetterebbe a me (ride,ndr). Una cosa, però ,posso dirla. Non farò l’opinionista all’isola dei famosi”.

Per quanto riguarda la carta stampata, qual è il suo futuro?

“Un cimitero degli elefanti. “Chi” ha subito la crisi come tutti i giornali. Tutti abbiamo avuto un calo di vendite. Sul futuro della carta stampata possiamo solo  interrogarci. Certo il futuro non è dei giornali, però, credo che lo spazio e il tempo per l’approfondimento continueranno ad esistere.  Viviamo in un mondo in cui la comunicazione viene fatta alla velocità della luce. A volte non ci si ferma per approfondire l’argomento. Questo dovrebbe essere il ruolo del giornale cartaceo”.

Il suo rapporto con Silvio Berlusconi?

“Una bella amicizia, però non ho mai fatto parte del Bunga Bunga perché non ero mai attratto. Silvio è un amico, una persona a cui voglio molto bene. Mi è stato vicino con affetto e paternità in momenti importanti della mia vita. Mi è stato vicino quando mia mamma è andata via. Lui mi ha tenuto per mano”.

Cosa rappresenta per lei l’amore?

“E’ la macchina che quotidianamente ci guida. Io mi alzo al mattino e dico per fortuna che il mio compagno c’è.  Un rapporto che va oltre quello sessuale ma si arricchisce del quotidiano”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook