Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MALTEMPO SICILIA: CATANIA, TROMBA D’ARIA SU PALESTRA, CADE PIANTA SU DISTRIBUTORE

MALTEMPO SICILIA: CATANIA, TROMBA D’ARIA SU PALESTRA, CADE PIANTA SU DISTRIBUTORE

La Sicilia orientale nella morsa del maltempo. Nubifragio a Catania, due tragedie sfiorate, al centro fitness di via Messina e poi in via Porticello e via Dusmet. Scuole chiuse ad Aci Castello. Traghetto si schianta contro la banchina a Vulcano: due feriti. Frane e allagamenti a Messina, bomba d'acqua nel centro di Ragusa

Print Friendly, PDF & Email

 

MALTEMPO SICILIA: CATANIA, TROMBA D’ARIA SU PALESTRA, CADE PIANTA SU DISTRIBUTORE –

Maltempo Sicilia. L’ondata di maltempo comunicata dai metereologi e dalle protezione civile ha cominciato a farsi sentire. Diverse città siciliane nella parte orientale dell’isola sono sotto la morsa di perturbazioni atmosferiche allarmanti. Infatti, diverse città dell’isola si sono svegliate sotto la pioggia compresa Catania dove il temporale in certi momenti si è trasformato in un nubifragio.

Stamane a Catania, in via Messina è stata sfiorata la tragedia due volte: nello spazio antistante la palestra della Virgin e al distributore di benzina angolo via Dusmet. Nel primo caso, una pompa di calore si è staccata dal muro ed è precipitata al suolo, danneggiando gravemente alcune auto posteggiate nel piazzale. Infatti, pare che la causa sia stato il forte vento. Poi, un albero è caduto in centro città. Altra tragedia sfiorata, la seconda di oggi: la pianta, letteralmente sradicata dal terreno, ha colpito un distributore di benzia all’angolo con via Porticello e via Dusmet coinvolgendo anche un motorino. Massima attenzione da parte degli operatori, afferma il vice comandante dei Vigili Urbani, Stefano Sorbino che si trova in sala operativa insieme al vicesindaco Marco Consoli: “Fortunatamente non ci sono feriti. Abbiamo allertato l’Enel perché l’albero ha reciso alcuni cavi elettrici – ha sottolineato Sorbino – e stiamo provvedendo a mettere in sicurezza l’area”. Nella città etnea inevitabili gli allagamenti e di conseguenza traffico bloccato, caos e moltissime le chiamate ai vigili del fuoco. Continuano le fortissime raffiche di vento che stanno flagellando la provincia etnea causando ingenti danni. Intanto, ieri circolava un comunicato emesso dal Comune di Catania che, sottovalutando il codice arancione assegnato dalla protezione civile regionale aveva diffuso una nota, attraverso la quale smentiva “le voci diffusesi in città a proposito di un pericolo meteo nella giornata di domani (oggi per chi legge) nel territorio catanese”.

Intanto, piogge e vento, con forti con minacce di alluvioni, si protrarranno nelle prossime ore nella parte orientale dell’isola. Il maltempo procede anche al nord. Mentre l’intera penisola è attanagliata dalle cattive condizioni del tempo portatore di pioggia e abbondanti nevicate sulle Alpi, Prealpi, Liguria, Triveneto e anche su Toscana e Lazio. A Carrara, dopo l’esondazione del fiume Carrione, si è diffusa la notizia di un morto, ma il vice sindaco ha smentito. Domani il maltempo sarà più intenso sul Triveneto, specie sul Friuli Venezia Giulia, con peggioramenti ancora sul Lazio, ma soprattutto sulla Sicilia, Calabria e settori ionici del sud con pericolo di alluvione. Pare che il sole sia previsto nel fine settimana. I meteorologi prevedono che da venerdì il maltempo si attenuerà gradualmente su gran parte delle regioni col ritorno del sole, soprattutto sabato, su buona parte dei settori. Da domenica pomeriggio un nuovo ed intenso peggioramento raggiungerà il Piemonte e la Liguria con piogge forti e ancora possibili nubifragi”.

In provincia di Catania, il sindaco di Acireale, Roberto Barbagallo, ha allertato i residenti raccomandando cautela nel transito nelle vie in cui si sono verificate le maggiori criticità: viale Cristoforo Colombo, via Agrimocoltura, via San Girolamo, piazza Agostino Pennisi, via Provinciale per Santa Maria Ammalati. Il primo cittadino ha invitato la cittadinanza a “prestare la massima attenzione nell’utilizzare i veicoli”. Mentre ad Aci Castello, paese della riviera ionica nel catanese, il sindaco Filippo Drago, ha deciso per oggi la chiusura delle scuole.

Nel messinese continua a piovere e imperversa il maltempo tant’è che a causa del forte scirocco a Vulcano nelle isole Eolie un traghetto ha urtato violentemente contro la banchina. L’urto è stato considerevole e sia il traghetto che una parte del molo hanno subito notevoli danni. A bordo si trovavano 19 passeggeri oltre ai membri dell’equipaggio. Un passeggero e un componente marinaio sono rimasti leggermente feriti. La nave era partita alle 7 da Milazzo e doveva proseguire per Lipari. Il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo di Lipari, Paolo Mangadonna, In merito all’incidente ha ordinato una indagine bloccando la nave nel porto di Vulcano per accertamenti.

Messina è sotto la minaccia del maltempo. Infatti, ieri sera la pioggia insistente ha provocato numerosi allagamenti. Stamane, traffico bloccato in più zone della città e sono state registrate piccole frane in diversi zone della provincia. Registrato un livello di criticità moderata per rischio idrogeologico che si protrarrà per le prossime 24-36 ore.
Anche Ragusa a rischio maltempo. Allerta meteo anche nella parte sud orientale della Sicilia: Ieri, all’ora di pranzo, una bomba d’acqua si è abbattuta nel centro della città iblea, che si è riversata nella via Archimede, che si è allagata, infatti l’acqua ha raggiunto quasi mezzo metro di altezza bloccando alcune auto. I metereologi prevedono che a partire da oggi e fino a venerdì nel ragusano si verificheranno piogge di forte intensità, temporali e forte vento.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook