Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: CARCERE, SCOPERTI AGENTI COMPRATI DA CLAN

CATANIA: CARCERE, SCOPERTI AGENTI COMPRATI DA CLAN

Scoperti agenti di polizia penitenziaria al servizio dei clan. Questi, facevano passare in carcere alcolici, cellulari, droga e pizzini per i detenuti. Così la mafia controllava la vita nel carcere. Sono cinque gli indagati. Per un ex comandante della polizia penitenziaria l'accusa è di concorso esterno in associazione mafiosa, pare fosse retribuito mensilmente dalla cosca Laudani. I carabinieri hanno arrestato un assistente capo in servizio a Bicocca.

Print Friendly, PDF & Email

 

CATANIA: CARCERE, SCOPERTI AGENTI CORROTTI DA CLAN –

Catania. Gli indagati sono cinque. Un ex comandante della polizia è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. I carabinieri hanno arrestato un assistente capo di polizia penitenziaria in servizio a Bicocca (Ct), si chiama Mario Musumeci ed è stato arrestato dai carabinieri del comando provinciale di Catania per corruzione continuata e detenzione a fine di spaccio di marijuana e cocaina, reati commessi dal 2009 sino al febbraio 2013. L’uomo, che forniva la droga ad affiliati dei clan mafiosi, è stato posto agli arresti domiciliari. Le indagini sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania mentre il provvedimento restrittivo nei suoi confronti è stato emesso dal gip su richiesta della Procura di Catania e sono state avviate a seguito dell’arresto in flagranza di reato, operato nel novembre 2012, dell’assistente capo della Polizia Penitenziaria Antonino Ranieri, in servizio presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza. L’uomo è stato trovato in possesso di un pacco contenente cocaina, marijuana, “pizzini”, profumi e altri oggetti che doveva consegnare ai detenuti dietro compenso in denaro. Ranieri, per i fatti contestati, è stato condannato con sentenza non ancora definitiva dal Tribunale di Catania per detenzione di droga e corruzione. L’attività investigativa sviluppata, grazie agli esiti di attività di intercettazione anche con l’ausilio fornito da diversi collaboratori di giustizia ha consentito di documentare l’esistenza di un sistema di corruzione che ha coinvolto in modo sistematico alcuni appartenenti alla Polizia Penitenziaria, in servizio presso le Case Circondariali di Catania “Piazza Lanza” e “Bicocca”. Inoltre, gli inquirenti hanno accertato, che gli inquisiti, favorivano – dietro corresponsione di somme di denaro (talvolta una tantum e in altri casi con cadenza mensile) in modo continuativo numerosi soggetti affiliati ad organizzazioni mafiose che operavano a Catania e provincia durante i periodi di detenzione presso le strutture carcerarie sopra indicate.

Gli accurati controlli hanno fatto emergere come alcuni agenti fossero disposti, con pagamento di somme di denaro, a favorire le richieste dei detenuti che appartenevano a compagini mafiose o, ad esse vicine. I servizi e le prestazioni fornite in favore dei detenuti era di diversa natura anche in relazione alla posizione ricoperta all’interno del corpo di polizia penitenziaria. Si andava, infatti, dall’introduzione all’interno del carcere di materiali di genere vietato, quali alimenti non consentiti, sostanze alcoliche, profumi, telefoni cellulari, supporti informatici Mp3 e, addirittura, cocaina e marjuana, fino a garantire ai soggetti apicali dei sodalizi mafiosi la possibilità di incontrarsi tra loro riservatamente, di avere colloqui telefonici con i propri familiari anche oltre il numero massimo consentito, di essere tempestivamente avvisati in occasione dell’imminente esecuzione di misure cautelari, di ricevere e veicolare messaggi e comunicazioni ai congiunti.
Dalle indagini è emerso che Giuliano Gerardo Cardamone, già comandante della polizia penitenziaria di Bicocca, fosse un soggetto stabilmente a disposizione dei componenti della cosca mafiosa Laudani da cui veniva mensilmente retribuito con somme di denaro. Nei confronti dello stesso è stata ravvisata la sussistenza, oltre che del delitto di corruzione aggravata ai sensi dell’art. 7 della legge 203/91, anche di quello di concorso esterno in associazione In altri casi si è accertato che il pagamento avveniva in relazione alla singola prestazione illecita fornita dal pubblico ufficiale infedele.

Le somme corrisposte per ogni pacco che conteneva generi vietati variavano dai 200 ai 300 euro. Infatti, le scatole venivano introdotte all’interno delle strutture carcerarie, atto che prevede il crimine di corruzione. Tale reato applicato anche per Mario Musumeci, Antonino Ranieri, Giuseppe Seminara (assistente capo della polizia penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Catania e Bicocca, sospeso dal servizio in quanto già sottoposto a misura cautelare nell’ambito dell’operazione “Fiori Bianchi”) e Vito Limonelli (già assistente capo della Polizia Penitenziaria in servizio presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza). Nell’ambito della stessa indagine sono stati denunciati, a titolo di concorso nel reato di corruzione, numerosi detenuti che hanno usufruito delle prestazioni illecite fornite dai pubblici ufficiali corrotti. Il Gip, pur riconoscendo l’estrema gravità dei fatti contestati e la sussistenza di un grave quadro indiziario a carico di tutti gli indagati, ha disposto l’applicazione della misura degli arresti domiciliari solo a Musumeci, in quanto, per gli altri indagati non ha ravvisato elementi di reiterazione di condotte analoghe, perché gli stessi avevano interrotto il rapporto lavorativo con l’amministrazione penitenziaria per intervenuto pensionamento, congedo o per sospensione dal servizio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook