Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: CROCETTA, SI DISCUTE LA SFIDUCIA

ARS: CROCETTA, SI DISCUTE LA SFIDUCIA

L’assemblea Regionale Siciliana dibatte sulla mozione di sfiducia al presidente Crocetta, presentata dal movimento cinquestelle e dal centrodestra.

Print Friendly, PDF & Email

 

ARS: CROCETTA, SI DISCUTE LA SFIDUCIA –

Ars. Breve bagarre all’Ars durante la seduta, dopo che il capogruppo M5s, Valentina Zafarana mentre stava illustrando la mozione di sfiducia, ha detto: “qualche deputato voterà mettendo contemporaneamente mano al portafogli”. Improvvisamente è sorto un alterco tra alcuni consiglieri e il presidente Crocetta che ha minacciato di lasciare sala d’Ercole, la discussione in aula è stata sospesa per alcuni minuti, poi ristabilita la calma, il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, ha richiamato all’ordine e la seduta parlamentare è ripresa, e Crocetta ha ripreso il suo posto tra i banchi del governo. I capigruppo di Forza Italia, Marco Falcone, e 5stelle, Valentina Zafarana, sono in procinto di illustrare ai colleghi parlamentari le due mozioni di sfiducia nei confronti del governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, presente tra i banchi del governo. Subito dopo la parola al presidente Crocetta, poi interverranno gli altri deputati iscritti a parlare. Dopo l’intervento del capogruppo 5 stelle, che illustrava la mozione di sfiducia e a supporto dell’atto presentava anche le schede con 25 mila firme raccolte nella vicina piazza a Palermo, il presidente Crocetta arrabbiato ha replicato: “Il Movimento 5stelle è sempre più razzista, omofobo e persino filomafioso. Siete intolleranti e prevaricanti, sapete solo organizzare dissenso sistematico nelle piazze per delegittimarmi”. Ancora in aula si discute poi a conclusione ci sarà il voto palese sulla mozione unificata delle due compagini. Per essere approvata serviranno 46 voti a favore.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook