Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: NUOVO GOVERNO E PROBLEMI CON ARTICOLO 4 – LE FOTO DEI NOMINATI

REGIONE SICILIANA: NUOVO GOVERNO E PROBLEMI CON ARTICOLO 4 – LE FOTO DEI NOMINATI

Le nomine del governo ter hanno provocato all’interno di Articolo 4 una vera e propria scissione tra Leanza e Sammartino. Il Pd si rafforza e acquista unità e serenità: la scelta di Cleo Li Calzi sembra essere gradita anche all'Mpa. E adesso gli "scontenti" potrebbero votare la mozione contro Crocetta proposta dal movimento 5 stelle e centrodestra.

Print Friendly, PDF & Email

 

REGIONE SICILIANA: NUOVO GOVERNO E PROBLEMI CON ARTICOLO 4 –

Era prevedibile che Il nuovo rimpasto avrebbe creato scontenti, mentre si aggiustava la situazione del Pd, adesso compattato, su quattro nomi a sorpresa. Personaggi che, insieme a quelli proposti dalle altre forze politiche, certamente accrescono lo spessore della giunta di Rosario Crocetta. Dove torna a fare capolino Mariella Lo Bello. Ex assessore ed ex segretaria particolare del Presidente. Però nello stesso tempo si è consumato uno strappo molto serio che rischia di fratturare la compagine che aveva sostenuto la vecchia maggioranza: Articolo 4 guidata da Lino Leanza e Luca Sammartino. Una scissione in atto, a poche ore dalla mozione di sfiducia. Gli scontenti di Articolo 4 ripetono, “Non siamo più in maggioranza”, e contestano il modo con il quale sono state portate avanti le trattative sulla giunta, prima ancora che spuntasse, quello di Nino Caleca. Per la legittimazione di questa nuova maggioranza si aspetta domani alle ore 16 quando si voterà in aula la discussione della mozione di sfiducia a Crocetta, mozione firmata da 40 deputati che potrebbe crescere dopo il rimpasto. Il motivo molto chiaro che sta logorando in questo momento il movimento Articolo 4 è da ricercare nel nuovo rimpasto. La forza politica aveva presentato al governatore una duplice richiesta: la conferma di Paolo Ezechia Reale all’Agricoltura e un secondo assessorato. Anche nel rispetto della crescita numerica all’Ars di un gruppo ha raggiunto undici deputati. E invece, dopo la decisione di azzerare la giunta, che ha coinvolto anche la “favorita” del presidente, Nelli Scilabra, la difesa di Reale si è dimostrata impossibile. Ma restava sul tavolo, però, la richiesta di due deleghe: una delle quali, alle risorse agricole. Neanche questa opzione è stata tenuta in considerazione, mentre veniva confermata un’unica delega, alla quale il gruppo ha dovuto scegliere un nuovo nome. E a quel punto ecco consumarsi lo strappo. “Non siamo più in maggioranza”, dicono alcuni parlamentari di Articolo 4, guidati dal capogruppo Luca Sammartino. Ma potrebbero aumentare fino ad arrivare al numero che serve (46 deputati) che potrebbero decretare la fine della legislatura. Lo scontento è alimentato anche dai risultati positivi prodotti dalle altre forze politiche. Infatti, L’Udc ha confermato due assessori in giunta, che si aggiungono alle cariche dei nuova_giunta_regionale_28.10.2014centristi all’Ars (ad esempio il presidente Ardizzone). Oltre alla conferma delle Infrastrutture, spunta la seconda delega, e potrebbe essere quella degli Enti locali o dell’Energia.

Uno degli assessorati, soprattutto quello dell’Energia, che Crocetta avrebbe voluto tenere per sé. Il partito si è impegnato fino all’ultimo per difendere la posizione di Nico Torrisi. Quando si è compreso che sarebbe stato un tentativo infruttuoso, si era pensato di assegnarlo al capo della sua segreteria tecnica, Giovanni Pizzo. Insieme a lui, ecco spuntare il nome di Marcella Castronovo. Mentre il Pdr di Salvatore Cardinale, tra i più attivi in queste settimane nell’opera di assestamento tra le diverse compagini della maggioranza, ha giocato le sue carte alla luce del sole ottenendo i risultati desiderati: Maurizio Croce al Territorio. Un saltello in avanti per i Riformisti, considerato anche il maggiore peso della delega. Il rientro di Mariella lo Bello, invece, è una scelta presa in prima persona dal presidente Crocetta e condivisa col “suo” Megafono. Alessandro Baccei sarà il super tecnico all’Economia, concordato tra il presidente e palazzo Chigi, già collaboratore del sottosegretario alla Presidenza, Graziano Delrio. Ritorna in giunta Mariella Lo Bello, nome di riferimento dell’area Megafono, che dovrebbe avere la delega alla Formazione per proseguire la riforma avviata da Crocetta.
L’intesa prevede quattro assessori al Pd. I renziani hanno indicato Vania Contraffatto, pm della procura di Palermo, molto attiva nella lotta alla criminalità, avrebbe la delega all’Energia. L’AreaDem ha espresso il nome di Antonio Purpura, professore di Economia aziendale all’Università di Palermo. Gli altri due nomi fanno riferimento al Pd, ma non strettamente all’area Cuperlo. Si tratta di Cleo Li Calzi, dirigente regionale già presidente di Sviluppo Italia e responsabile della segreteria tecnica dell’ex presidente Raffaele Lombardo, e dell’avvocato catanese (siracusano di origini) Bruno Caruso, giuslavorista allievo di Massimo D’Antona. Passa dunque la linea del Partito Democratico, nonostante l’alleanza solida del governatore con i renziani e il supporto quasi incondizionato di Articolo 4, seconda forza in parlamento con undici deputati. E giovedì sarà il primo banco di prova per la tenuta della nuova maggioranza, infatti, si discuterà la mozione di sfiducia di M5s e centrodestra al presidente Crocetta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook