STATO-MAFIA: NAPOLITANO DAVANTI AI GIUDICI

STATO-MAFIA: NAPOLITANO DAVANTI AI GIUDICI

La Corte d'assise di Palermo al Quirinale per ascoltare il capo dello Stato. Per l’occasione saranno presenti una quarantina di partecipanti tra giudici, pm e avvocati. Ammesso anche il legale del boss Totò Riina.

Print Friendly, PDF & Email

 

STATO-MAFIA: NAPOLITANO DAVANTI AI GIUDICI –

Stato-mafia. Il presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano è pronto per la testimonianza che lo vede davanti alla Corte d’assise di Palermo per deporre nel processo sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Corte, che si è trasferita al Quirinale. Il pool dei pm che si trova già al Colle, questa mattina, durante una lunga riunione ha ultimato e scritto l’elenco delle domande che sottoporrà al capo dello Stato. L’udienza, è in corso nella sala del Bronzino, che ospita i giudici ‘togati e popolari’, la cancelliera, cinque pm e gli avvocati delle sette parti civili e dei 10 imputati, questi ultimi non ammessi dalla corte a partecipare direttamente o in videoconferenza alla testimonianza. Le voci circolate in ambienti giornalistici, che il Quirinale resterà off limits agli operatori della stampa che non potranno, seguire l’udienza neppure a distanza, attraverso la videoregistrazione. I giudici avevano dato il parere favorevole alla presenza “da remoto” dei giornalisti, ma “bocciata” dal Colle che ha regolamentato rigidamente l’accesso al palazzo. Le parti che partecipano al processo non potranno infatti portare cellulari, tablet, pc e strumenti di registrazione. L’udienza sarà trascritta secondo le regole ordinarie, i verbali andranno poi alla corte e saranno disponibili per le parti nei giorni successivi dopo che è stato formalizzato il lavoro di copiatura. A rivolgere per primo le domande al capo dello Stato sarà il procuratore aggiunto Vittorio Teresi. Il capo dell’ufficio inquirente, Leonardo Agueci, sarà presente, ma non interrogherà Napolitano.
La prima parte della deposizione cercherà di chiarire i dubbi e le preoccupazioni che l’ex consigliere giuridico di Napolitano, Loris D’Ambrosio, espresse al capo dello Stato in una lettera, nel giugno del 2012, un mese circa prima di morire. Nel documento, peraltro reso pubblico dallo stesso Quirinale, D’Ambrosio avanzava il timore di “essere stato considerato solo un ingenuo e inutile scriba di cose utili a fungere da scudo per indicibili accordi” tra il 1989 e il 1993, anni in cui l’ex consigliere era all’Alto commissariato per la lotta alla mafia e poi al ministero della Giustizia. Sui timori di D’Ambrosio, però, il capo dello Stato ha già fatto sapere alla corte, tramite una lettera, di non avere nulla di utile da riferire, dopo sarà probabilmente il pm Nino Di Matteo a cercare di approfondire i fatti accaduti nel 1993 partendo dall’allarme attentati lanciato dal Sismi il 29 luglio di quell’anno che riguardavano Napolitano e Giovanni Spadolini. La comunicazione riservata dei servizi segreti è stata acquisita agli atti del processo, infatti, i pm hanno fatto capire che sarà oggetto di domande al presidente perché riguardante il periodo citato nella lettera di D’Ambrosio. Dopo l’intervento dei pm, si svolgeranno i controesami dei legali. In particolare l’avvocato di Totò Riina ha chiesto ed ottenuto di potere interrogare Napolitano su un tema più ampio e relativo “a quanto accadde nel 1993 e nel 1994”. Intanto il boss ha fatto sapere di essere “dispiaciuto” di non potere assistere dal carcere in cui è detenuto all’udienza in videoconferenza.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook