GELA (CL): ENI RESTERA’ A GELA

GELA (CL): ENI RESTERA’ A GELA

L'amministratore delegato della raffineria di Gela, Guarrata, conferma in Consiglio comunale: "Non ci sarà nessuna fuga dell'Eni da Gela ma investimenti per lo sviluppo e garanzie di lavoro sia per i dipendenti del diretto che per l'indotto - Assicuro garanzie ai lavoratori e investimenti per lo sviluppo"

Print Friendly, PDF & Email

 

GELA (CL): ENI RESTERA’ A GELA –

Gela. L’amministratore delegato della Raffineria di Gela spa, Carlo Guarrata, ha confermato gli impegni assunti in sede governativa, a Roma, intervenendo nel dibattito che si è tenuto oggi nell’aula consiliare del Comune durante la visita della commissione regionale attività produttive dell’Ars. Erano presenti per l’occasione i dirigenti dei sindacati confederali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, i rappresentanti di Confindustria Sicilia, il sindaco e numerosi consiglieri comunali. Le parti che erano presenti durante il dibattito che si è tenuto nell’aula cosiliare del palazzo di città (quasi all’unanimità) hanno accolto favorevolmente l’ipotesi di accordo siglata a Roma sulla vertenza Eni, è anche vero che hanno espresso severe riserve che aspettano risposte immediate (di tipo industriale e ambientale), specie per quanto riguarda le ricerche petrolifere su terraferma e off-shore. Ribadite le richieste: disponibilità governativa all’uso degli ammortizzatori sociali; spesa certa degli investimenti; bonifica delle aree dismesse e delle zone inquinate del territorio; inizio dei lavori di riconversione industriale e avvio dei corsi di riqualificazione professionale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook