ACCORDO STATO-MAFIA: NAPOLITANO, ‘MAI SAPUTO’

ACCORDO STATO-MAFIA: NAPOLITANO, ‘MAI SAPUTO’

Il capo dello Stato è stato interrogato a Roma per più di tre ore e mezza. Secondo i testimoni la parola "trattativa" non è stata mai usata. Polemico il legale di Riina: "Gli hanno consentito di consultare delle carte". il Quirinale con una nota smentisce alcuni avvocati: "Ha risposto a tutte le domande".

Print Friendly, PDF & Email

 

ACCORDO STATO-MAFIA: NAPOLITANO, ‘MAI SAPUTO’ –

Accordo Stato-mafia. Così come previsto, Il capo dello Stato è stato ascoltato dai pm per tre ore e mezza (dalle 10.05 alle 13.35, con 15 minuti di pausa) e, secondo quanto hanno riferito gli avvocati presenti, ha negato di conoscere la trattativa tra la mafia e le istituzioni. Napolitano, per l’occasione indossava un vestito blu e ha dimostrato di essere sereno. E’ rimasto seduto davanti uno scrittoio di fronte alla Corte d’assise che era disposta al centro della sala del Bronzino.”Giorgio Napolitano ha riferito che all’epoca non aveva mai saputo di accordi tra apparati dello Stato e Cosa nostra per fermare le stragi”. Sono stati smentiti alcuni legali che, subito dopo la conclusione dell’udienza, all’uscita avevano dichiarato che il presidente non aveva risposto ad alcune domande, avvalendosi delle prerogative di riservatezza del capo dello Stato. Dal comunicato diffuso dal Quirinale e dalle concordi risposte di altri avvocati a specifica domanda, è stato infatti confermato che Napolitano ha risposto a tutte le domande senza opporre limiti di riservatezza. Un legale della difesa ha rivelato che “la parola ‘trattativa’ non è mai stata usata” e “Nessuno gli ha fatto una domanda specifica sull’esistenza di una trattativa tra lo Stato e la mafia”. E secondo l’avvocato di Totò Riina “la corte non ha ammesso la domanda più importante”, quella sul colloquio tra Napolitano e l’ex presidente Oscar Luigi Scalfaro quando pronunciò il famoso ‘Non ci sto!’. Questa domanda non ha trovato il diniego di Napolitano ma quello della corte che non l’ha ammessa”. Il legale di Riina si è lamentato perché Napolitano: “ha consultato delle carte durante la deposizione: lui ha avuto modo di avere quelle carte che il 15 ottobre sono arrivate dai pm di Firenze e che a noi parti private hanno richiesto una certa attività. Questo un teste normale non può farlo”. Il capo dello Stato ha riferito di non essere stato mai “minimamente turbato” delle notizie su presunti attentati alla sua persona nel 1993. Questo “perché faceva parte del suo ruolo istituzionale”, hanno spiegato i testimoni. “Con Loris D’Ambrosio eravamo una squadra di lavoro”, ha poi detto il presidente della Repubblica. Al termine dell’udienza il Quirinale, con una nota ha auspicato: “che la Cancelleria della Corte assicuri al più presto la trascrizione della registrazione per l’acquisizione agli atti del processo, affinché sia possibile dare tempestivamente notizia agli organi di informazione e all’opinione pubblica”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook