Archiviato in | Cabaret, Spettacolo

ZELIG: INTERVISTA A GIOVANNI CACIOPPO

ZELIG: INTERVISTA A GIOVANNI CACIOPPO

Giovanni Cacioppo, grazie ad una organizzazione curata da Antonio Saeli Management affermata in Italia da 13 anni per essere tra le maggiori attive nel panorama dell'organizzazione di spettacoli, management e promozione di personaggi televisivi, in questi giorni ha portato la sua comicità in tour anche a Catania.

Print Friendly, PDF & Email

 

ZELIG: INTERVISTA A GIOVANNI CACIOPPO –

Comico di Zelig, comico di Colorado, partner amatissimo dalla Gialappa’s Band ma in realtà lui spiega che ha uno scopo preciso: insegnare in modo scientifico come evitare il lavoro. Giovanni Cacioppo, grazie ad una organizzazione curata da Antonio Saeli Management affermata in Italia da 13 anni per essere tra le maggiori attive nel panorama dell’organizzazione di spettacoli, management e promozione di personaggi televisivi, in questi giorni ha portato la sua comicità in tour anche a Catania. Nato a Gela ma da vent’anni residente a Bologna. “Sono rimasto siciliano – spiega Cacioppo – odio dire che sono di origini siciliane”.

Realmente ci sono queste differenze tra nord e sud?

“Nei modi di vivere e di comportarsi ci sono sicuramente modi diversi. Il senso delle regole, il senso civico sono differenti. Qui però siamo aperti, altruisti. Mettiamo in comune tutto. In Sicilia si condivide tutto. Tutti sanno di tutti. Le emozioni i debiti, le cambiali. Al nord è tutto più riservato”.

Quant’è difficile far ridere in un momento come quello attuale?

“Non dipende dal momento. È sempre stato difficile ma per fortuna a me è venuto sempre facile. La gente che viene ad uno spettacolo esce per svagarsi e per farsi una risata”.

Come nasce un personaggio comico?

“Li studio dalla vita reale. Girando per strada vedo qualcuno che mi colpisce o che è vestito in maniera particolare e poi costruisco e amplifico”.

A lei cosa fa ridere?

“Il paradosso e l’assurdo. Le soluzioni trasversali ai problemi della vita”.

Lei ha calcato due palchi importanti, Zelig e Colorado. Qual è la differenza?

“In questo momento non c’è ne. Uno è calato e l’altro è cresciuto. In questo momento si stanno equiparando”.

Ha fatto parte del mondo del cinema, della televisione e del teatro, quale preferisce?

“Indubbiamente il teatro. Il contatto con il pubblico ti gratifica molto di più. Hai una risposta diretta. Poi il cinema e infine la televisione che è quasi inutile artisticamente. Si ha un rapporto freddo con le telecamere. Indubbiamente è quella che ti da più visibilità. Ad esempio a Zelig abbiamo toccato punte di 8milioni di spettatori che per averle in un teatro devi girare vent’anni”.

Una risposta a “ZELIG: INTERVISTA A GIOVANNI CACIOPPO”

  1. SEBY ha detto:

    volevo.. essendo n grande ammiratore di Giovanni fare un appunto..
    ho visto la sua comicita’ con il suo italiano scansonato fare sfracelli di risate.. ma vedendolo a INSIEME ( un programma Sicilia di Salvo La Rosa) le sue battute dette ( non tutte ) in dialetto Siciliano…. perdono consistenza perche’ a mio modo di vedere il problema e’ questo: UNA cosa e’ vedere un meridionale che ti racconta i fatti del meridione con un italiano scansonato e arrancante come se si sforzasse a farsi capire( grande genialita’ ) l’altra e’ vederlo in un dialetto sciolto dialetto di poche battute che siu inseriscono nel classico italiano del Sud impacciato… lo trovo includende.. oltretutto quando ci si abitua ad un personaggio non lo so si puo’ stravolgere in quel modo.. il risultato e’ stato che in quella trasmissione quando Giovanni raccontava nel suo modo classico quando arrivavva la battuta in Siciliano le risate si smorzavano perche’ c’era un abbandono del suo personaggio…. un mix che secondo me lo ha penalizzato molto… spero che Giovanni legga cio e cerchi di non ripetere lo stesso errore.. e’ una mia constatazione e lungi da me avere ragione al 100 per 100 … pero’e’ un qualcosa su cui riflettere.. grazie per lo spazio… Seby un suo grande ammiratore

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook