TRATTATIVA STATO-MAFIA: NAPOLITANO POTRÀ ESSERE INTERROGATO DAL LEGALE DI RIINA

TRATTATIVA STATO-MAFIA: NAPOLITANO POTRÀ ESSERE INTERROGATO DAL LEGALE DI RIINA

In merito alla trattativa Stato-mafia, la Corte d'Assise ha accolto l'istanza del difensore del boss Riina, saranno ammesse domande sul periodo degli attentati tra il '93 e il '94

Print Friendly, PDF & Email

 

TRATTATIVA STATO-MAFIA: NAPOLITANO POTRÀ ESSERE INTERROGATO DAL LEGALE DI RIINA –

Trattativa Stato-mafia. La Corte d’Assise ha accolto l’istanza del difensore del boss Totò Riina, stabilendo che al processo sulla trattativa Stato-Mafia che si terrà il 28 ottobre potrà porre domande al Capo dello Stato Giorgio Napolitano su quanto accadde fra il 1993 e il 1994, quindi su temi nuovi rispetto a quelli originariamente stabiliti dai giudici. La richiesta della nuova prova, fatta dal legale di Riina, l’avvocato Luca Cianferoni, segue il deposito di documenti riservati del Sismi, fatto dai pm, su un allarme attentati, del 1993, allo stesso Napolitano e all’allora presidente del Senato, Giovanni Spadolini. I documenti sono stati oggi dalla corte acquisiti al fascicolo del dibattimento.
L’ingresso nel processo del rapporto dei Servizi renderebbe inevitabile al legale di porre a Napolitano domande su cosa accadde tra il ’93 e il ’94, periodo in cui fu decretato l’allarme attentati. Secondo la corte “la nuova prova non è né manifestamente superflua, né irrilevante” e potrebbe riferirsi ad anni in cui Napolitano non era capo dello Stato, non rientrerebbe nei limiti della sentenza della Corte Costituzionale che, risolvendo il conflitto di attribuzioni tra il Colle e la Procura di Palermo, ha riconosciuto una serie di prerogative al capo dello Stato. I giudici, tuttavia, hanno ricordato, pure ammettendo la richiesta dell’avvocato di Riina, che, proprio per le prerogative costituzionali di cui gode il presidente della Repubblica, la sua deposizione “non può prescindere dalla disponibilità del capo dello Stato, di cui la corte non potrà che prendere atto”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook