Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CRISI REGIONE: CROCETTA, ‘NIENTE DEPUTATI IN GIUNTA’

CRISI REGIONE: CROCETTA, ‘NIENTE DEPUTATI IN GIUNTA’

Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta in un incontro con i giornalisti commenta la crisi in corso: "Spero che entro lunedì si concluda tutto. Serve una nuova sintesi, mi auguro che i partiti abbiano il coraggio di fare le loro proposte definitive. Ieri la coalizione ha detto 'niente deputati in giunta', stavolta me lo hanno proposto loro. E poi mi hanno proposto che la metà della giunta sia composta da donne".

Print Friendly, PDF & Email

 

CRISI REGIONE: CROCETTA, ‘NIENTE DEPUTATI IN GIUNTA’ –

Crisi Regione Siciliana. Continuano ininterrotti gli incontri e le discussioni tra le forze della maggioranza per trovare una soluzione rapida alla crisi regionale che si trascina ormai da tempo. In una pausa dei lavori d’aula che si tengono nel Palazzo dei Normanni il presidente della Regione ha incontrato i giornalisti e ha risposto ad alcune domande che riguardavano la crisi di governo e la trattativa nella maggioranza per la composizione della nuova giunta. Il presidente ha spiegato che vi è: “un nuovo inizio, più segnali di novità ci saranno meglio è: ma l’azzeramento non significa che chi c’è stato non possa restare. Naturalmente serve una valutazione sulle cose che hanno funzionato e su quelle che non hanno funzionato, certo non difenderò quelle che non hanno funzionato – continua Crocetta – difendo sicuramente la linea politica intrapresa sulla Formazione, sono stati due anni di difficile transizione e oggi si vedono i risultati: non si interrompe un lavoro a metà. Di fronte ad una mozione di censura presentata immotivatamente dal centrodestra nei confronti dell’assessore Scilabra, un cedimento sarebbe segno di assenza di solidarietà fra gli alleati e potrebbe far pensare che io abbia rinunciato alla battaglia sulla Formazione. Poi Crocetta precisa: “Siamo in una fase delicata, serve un dialogo con il governo nazionale per evitare il default: non possiamo restare senza governo e in una infinita campagna elettorale, questo è il peggiore danno che si potrebbe recare alla Sicilia. Mi auguro che anche chi ha presentato la mozione di sfiducia capisca che prima della politica vengono gli interessi del popolo siciliano. Spero che entro lunedì si concluda tutto e martedì possiamo presentarci in aula con il governo compiuto e con un segnale serio nei confronti della difficile situazione sociale ed economia che la Sicilia sta attraversando. Poi in conclusione Il presidente ha evidenziato che: “La crisi di governo ci deve servire per rilanciare un’azione politica più alta: diceva san Paolo ‘dal male nasce il bene’. Serve una nuova sintesi, mi auguro che i partiti abbiano il coraggio di fare le loro proposte definitive. Ieri la coalizione ha detto ‘niente deputati in giunta’, stavolta me lo hanno proposto loro. E poi mi hanno proposto che la metà della giunta sia composta da donne. Voglio un governo che duri tre anni: non è che fra tre o sei mesi, magari cambiano gli assetti interni dei gruppi e mi chiedono un altro rimpasto, perché non lo farò”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook