Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BIANCAVILLA (CT): INCENDIATE LE AUTO DEL SINDACO

BIANCAVILLA (CT): INCENDIATE LE AUTO DEL SINDACO

Preso di mira da sconosciuti, il sindaco di Biancavilla(Ct) Giuseppe Glorioso. Il primo cittadino è stato oggetto di un deplorevole atto intimidatorio legato probabilmente alla lotta contro l'abusivismo che lo vede in prima fila. Le auto sono state bruciate la notte scorsa e si trovavano posteggiate davanti alla sua abitazione. Solidarietà e vicinanza è stata espressa dal mondo politico che si è stretto intorno al Sindaco.

Print Friendly, PDF & Email

 

BIANCAVILLA (CT): INCENDIATE LE AUTO DEL SINDACO –

Biancavilla. Ieri a tarda sera, sono state incendiate le due auto del sindaco di Biancavilla, Pippo Glorioso. Le vetture erano parcheggiate sotto l’abitazione del primo cittadino, in via Cristoforo Colombo ma erano ben distanti l’una dall’altra. Un gesto intimidatorio indirizzato senza alcun dubbio direttamente a lui. Le fiamme hanno divorato la Fiat Panda e la Renault Modus della famiglia Glorioso poi domate dai vigili del fuoco. A Biancavilla in questo periodo si vivono giorni difficili che riguardano la vertenza rifiuti e l’abusivismo. La settimana scorsa anche il padre del Sindaco era rimasto vittima di insulti e minacce. Sul posto per le indagini sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Paternò che sono a lavoro per accertare se vi siano collegamenti con le demolizioni di case abusive disposte dalla Procura distrettuale di Catania.

Luisa Albanella(Pd) parlamentare alla Camera dei Deputati e Concetta Raia(Pd) consigliera dell’Assemblea Regionale Siciliana in una nota hanno dimostrato il loro appoggio: “Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà al sindaco di Biancavilla Pippo Glorioso, vittima la notte scorsa di un vile gesto di intimidazione”. Le istituzioni devono stare più vicine ai sindaci, soprattutto, quando questi si trovano particolarmente esposti nelle loro comunità, come nel caso di Glorioso nel cui comune, la settimana scorsa si è proceduto con le demolizioni di case abusive disposte dalla Procura distrettuale di Catania che hanno scatenato rabbia e polemiche tra la cittadinanza. Chiediamo alla prefettura di Catania l’istituzione di un tavolo sulla sicurezza perché lo stesso problema potrebbe sorgere anche in altri comuni dove stanno partendo altri ordini di abbattimento di costruzioni abusive”.

Accorato l’intervento del sindaco di Catania Enzo Bianco il quale ha dichiarato la su vicinanza con una nota: “Esprimo la mia personale solidarietà e quella della città di Catania al sindaco di Biancavilla, Pippo Glorioso, per il vile gesto intimidatorio che lo ha colpito”, “I sindaci sono spesso in prima linea per contrastare forze che, soprattutto in certi territori, tentano di sovvertire l’ordine democratico. Ecco perché dobbiamo stringerci tutti attorno a Pippo Glorioso. Perché questa è una battaglia che si vince soltanto restando uniti”.
Appresa la notizia anche il sindaco di Paternò, Mauro Mangano ha manifestato la sua vicinanza: “Siamo vicini al sindaco di Biancavilla Pippo Glorioso ed esprimiamo la massima solidarietà per il vile atto intimidatorio che ha subito. Fatti del genere dimostrano come i sindaci siano sempre più impegnati, giorno dopo giorno, nella difesa della legalità su diversi fronti. Una battaglia che per il primo cittadino di Biancavilla si è fatta più aspra nelle ultime settimane, ma che accomuna molti amministratori locali. Ci auguriamo che le istituzioni restino accanto a Glorioso e che si possa al più presto far luce sull’accaduto”.

Anche il parlamentare nazionale del Partito democratico Giuseppe Berretta e intervenuto in segno di appoggio per il vile atto: “Solidarietà a vicinanza al sindaco di Biancavilla, Pippo Glorioso, che ieri sera è stato oggetto di un vile e inqietante atto intimidatorio”. Sono certo che le forze dell’ordine faranno luce sui gravi fatti di ieri sera e che anche la Prefettura farà il massimo per tutelare il pirmo cittadino, in un momento di forti tensioni per la comunità di Biancavilla. Siamo certi che il sindaco Glorioso non si lascerà intimorire: noi siamo al suo fianco”.

Alla luce di quanto accaduto è intervenuto anche il segretario regionale del Partito Democratico Fausto Raciti: “Sono vicino a Pippo Glorioso, sindaco di Biancavilla, vittima di un ignobile atto intimidatorio che purtroppo ci ricorda quanto spesso sia complicato svolgere il ruolo di amministratore locale. A Glorioso va la mia solidarietà e l’invito a proseguire il suo impegno senza lasciarsi condizionare da questo episodio”.

Al coro della politica anche il capogruppo del Nuovo Centrodestra all’Ars Nino D’Asero, originario proprio del paese etneo, appresa la notizia dell’incendio doloso che ha danneggiato le auto del sindaco, ha commentato l’inquietante episodio: “Amministrare è un servizio per la collettività e i sindaci sono fortemente esposti nell’espletare la propria attività istituzionale a stretto contatto con il territorio. Pertanto esprimo la mia solidarietà al primo cittadino di Biancavilla Glorioso per il grave atto intimidatorio nei suoi confronti”. Sono convinto che le forze dell’ordine sapranno presto far luce su quanto accaduto”.

Anche i sindacati fanno sentire la loro voce, il segretario generale della Uil di Catania, Fortunato Parisi, commentando la notizia dell’attentato incendiario avvenuto nella notte ai danni di due vetture del sindaco Glorioso ha espresso vicinanza e solidarietà al primo cittadino: “Per sindaci come Pippo Glorioso, impegnato ogni giorno ad affrontare praticamente a mani nude gravissimi problemi sociali e inquietanti sfide di legalità, la solidarietà non basta. La Uil con i suoi iscritti è, ancor più di prima, al fianco di Glorioso e degli altri rappresentanti delle istituzioni che seriamente e concretamente lavorano per questo territorio. Siamo sicuri che il primo cittadino di Biancavilla non si lascerà intimidire, anzi andrà avanti con maggiore vigore nella convinzione che presto magistratura e forze dell’ordine faranno luce su questo episodio, accertando autori e movente”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook