Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CROCETTA SI PREPARA AD AZZERARE LA GIUNTA

CROCETTA SI PREPARA AD AZZERARE LA GIUNTA

L'accordo romano tra le varie correnti del PD potrebbe prevedere il rinnovo di tutte le cariche della giunta Crocetta e il partito democratico potrebbe rivedere la mozione di censura all'assessore Scilabra.

Print Friendly, PDF & Email

 

CROCETTA SI PREPARA AD AZZERARE LA GIUNTA –

Crocetta. Stamane alle ore 11 i deputati dell’Ars dovrebbero riunirsi in consiglio. All’ordine del giorno diversi punti tra i quali il dibattito sulle mozioni di censura contro l’assessore alla Formazione professionale, Nelli Scilabra, e l’assessore alle Attività produttive Linda Vancheri. Crocetta oggi non potrà essere in aula perché alle ore 10, nella sede del ministero dello Sviluppo economico, parteciperà al tavolo tecnico dove si tratterà il problema del ridimensionamento delle produzioni della raffineria Eni di Gela, la sua città. Domani, invece, sarà al ministero del Lavoro, dove solleciterà la cassa integrazione per i lavoratori della formazione professionale. Intanto il consiglio dei deputati dell’Ars potrebbe anche non svolgersi o essere rimandato. Infatti, dopo l’incontro di ieri, a Roma, organizzato prima della direzione nazionale del Pd, tra il presidente della Regione, Rosario Crocetta, il segretario regionale del Pd, Fausto Raciti, e Davide Faraone, leader dei renziani siciliani, è stato raggiunto l’accordo che prevede l’azzeramento della giunta, delle cariche istituzionali dell’Ars e del partito. Quindi a breve Crocetta potrebbe firmare il decreto di azzeramento della giunta di governo prima dell’inizio della seduta, facendo così venire meno il motivo del contendere, aprirendo così il dialogo con tutte le anime del Pd. Il presidente Crocetta in una nota conferma: “ho incontrato Faraone e Raciti e abbiamo discusso la proposta renziana di azzerare tutto. Ipotesi sulla quale ho sempre dato la mia disponibilità. Credo che mercoledì pomeriggio avremo un incontro risolutore”.

In merito alla vicenda il segretario regionale Fausto Raciti è intervenuto con delle precise osservazioni: “Se c’è un fatto nuovo, cioè l’azzeramento si può provare ad aprire una discussione. Altrimenti, come ho sempre detto, non può esserci dialogo”. Poi precisa nella nota: “Leggo molti articoli nei quali si parla di patti che sarebbero stati chiusi: per quel che ne so, non è stato chiuso nessun patto. C’è stata la richiesta da parte del presidente della Regione di riaprire un ragionamento sul governo della Sicilia nell’eventualità di un azzeramento del governo regionale. Ho dato la disponibilità ad un confronto, a sederci davvero attorno ad un tavolo un minuto dopo che Crocetta avrà dimostrato con i fatti questa volontà”. Evidentemente il rimpasto della giunta coinvolgerebbe anche gli assessori delle altre forze della coalizione di maggioranza: come Torrisi e Valenti dell’Udc e Reale Articolo 4. Se Crocetta considerasse di ritirare la delega solo agli assessori del Pd, disattiverebbe la mozione di censura emanata nei confronti di Nelli Scilabra, ma non quella nei confronti di Linda Vancheri, che proviene dall’esperienza confindustriale. Intanto Raciti conclude il concetto con alcune considerazioni: “dopo che Crocetta avrà compiuto questo passo, immagino che ci saranno le condizioni per parlare di tutto. Senza questo passo da parte del presidente della Regione, non vedrei elementi nuovi, né motivi per cambiare posizioni già chiare ed esplicite riguardo gli argomenti in discussione all’Ars, comprese le mozioni di censura”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook