Archiviato in | Musica, Spettacolo

FARGETTA DIETRO LE QUINTE: INTERVISTA AL NOTO DJ

FARGETTA DIETRO LE QUINTE: INTERVISTA AL NOTO DJ

Con grande successo di pubblico è stato accolto il tour siciliano di Mario Fargetta che ha fatto tappa anche a Catania. Il dj è noto con lo pseudonimo Get Far, grazie agli eventi firmati in Sicilia da Blocco 31, ha scelto l'isola per presentare il suo nuovo lavoro discografico “Out of Control”.

Print Friendly, PDF & Email

FARGETTA DIETRO LE QUINTE: INTERVISTA AL NOTO DJ –

Fargetta. Con grande successo di pubblico è stato accolto il tour siciliano di Mario Fargetta che ha fatto tappa anche a Catania. Un pubblico di ogni età ha ballato sulla musica del noto dj. Intere generazioni di adolescenti, infatti, sono cresciuti con la sua musica suonata nelle migliori discoteche di Italia. Un uomo che, giorno dopo giorno, è diventato un mito ed è una garanzia nel mondo musicale. Mario Fargetta, noto anche con lo pseudonimo Get Far, grazie agli eventi firmati in Sicilia da Blocco 31, ha scelto la Sicilia per presentare il suo nuovo lavoro discografico “Out of Control”.

Figlio di genitori siciliani, com’è il rapporto con questa Isola?

“E’ la mia Terra, ho il sangue siciliano. Sono nato al nord ma quando vengo qui vengo accolto come un fratello. C’è un legame troppo forte ed ho sempre parlato siciliano. Quando vengo a fare le serate qui con il mio parlare siciliano conquisto tutti i presenti”.

Fargetta è sinonimo della grande musica, ma per lei cosa rappresenta la musica?

“La vita. Fa parte della mia vita e fa parte di un qualcosa che scopri, costruisci e porti avanti. Una compagnia. La musica mi accompagna durante le giornate, durante  i momenti particolari con la mia famiglia. La musica mi appartiene”.

In questi giorni si stanno festeggiando i 90 anni della radio. Lei nel 1988 si è occupato del mixaggio musicale delle di Deejay Time e della Deejay Parade, i due programmi radiofonici di punta degli anni novanta. Oggi, com’è cambiata la radio con l’avvento delle web radio?

“Stiamo parlando sempre di radio. Non deve essere per forza in “Fm” . Ovviamente se dobbiamo guardare l’Italia, prima c’era più seguito nelle radio “Fm”. Oggi essendoci tante alternative  la gente cerca di scegliere il proprio genere musicale. La musica si evolve, cambia, va avanti. La musica scopre sempre nuovi generi che si mischiano tra di loro”.

Recentemente è stato super ospite a Sanremo. Funziona ancora il Festival?

“Credo che sia una grande vetrina per chi ci partecipa. In quella settimana c’è un rumors non indifferente. Si è su tutti i giornali e le tv. È una grande occasione per mettersi in mostra. Credo che se una canzone è forte  il pubblico sa riconoscere la sua bellezza, con il relativo successo che merita. Invece capita che durante il Festival le canzoni non siano all’altezza e allora vediamo che spariscono. Neanche nei passaggi radiofonici”.

Talent musicali, a favore o contro?

“A favore perché è sempre una occasione per mettersi in mostra. Scopri dei talenti che magari non credevi che ci fossero in Italia”.

Farebbe il giudice?

“Perché no?  Bisogna valutare sempre di che talent stiamo parlando”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook