Archiviato in | Musica, Spettacolo

RED CANZIAN E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA

RED CANZIAN E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA

Red Canzian ha scelto la città di Catania per presentare il suo nuovo progetto discografico “L’istinto e le stelle” - intervista per InformaSicilia.

Print Friendly, PDF & Email

RED CANZIAN E IL SUO RAPPORTO CON LA SICILIA –

Red Canzian. Oggi la musica è sempre in continua evoluzione. Tanti i generi che si alternano e tanti i cantanti che raggiungono facilmente il successo. In una musica “mordi e fuggi”, però ci sono ancora quegli artisti che si posso definire con la “A” maiuscola. Lui è uno di questo. Red Canzian deve essere preso come esempio da tutti coloro che si affacciano al mondo musicale. Una umiltà, una disponibilità ed una semplicità che, nonostante il meritato successo, fanno parte della sua personalità. Canzian ha scelto la città di Catania per presentare il suo nuovo progetto discografico “L’istinto e le stelle” (Blu Notte/Artist First).

Molto spesso viene in questa isola, che rapporto ha con la Sicilia?

“Ottimo per tutto. Per la gente, per il posto, per il cibo. Essendo vegano riesco ancora a mangiare bene in Sicilia. Non capisco perché la gente vada ad Ibiza quando qui è tutto molto più bello.  Oggi ho attraversato in macchina la Sicilia da Palermo a Catania e non si può descrivere quanto sia bella”.

Lei rappresenta uno dei pilastri della musica italiana. Ma la musica cosa rappresenta nella sua vita?

“Tutto, rappresenta la vita, la gioia, la maniera di poter fare anche del bene. Tutto attraverso la musica”.

Come nasce questo nuovo lavoro da solista?

“Avevo una voglia di raccontare un tratto della mia vita importante. L’ultimo disco da solista risale al 1986 e in questi anni è cambiato tutto. È cambiata la mai vita, ho una nuova donna, ho un figlio acquisito che ha portato lei in dote, ho una figlia che nata dal mio primo matrimonio. Sono diventato vegano. Tante cose che, ovviamente, cambiano l’equilibrio e la serenità che ognuno ha dentro di se. Tutto questo ti fa capire che è il momento di raccontare qualcosa”.

Oggi c’è troppa musica?

“Credo che  di cose belle non ce ne siano mai troppe. Purtroppo non è sempre bella la musica che gira. Credo che la musica dovrebbe ritornare un po a quello che era. La musica non va subita, ma goduta. Molto spesso la subiamo perché viene imposta”.

C’è ancora spazio per i giovani che vogliono entrare nel mondo musicale? “Lo spazio lo coprono bene i talent, non so però se sono la strada migliore per creare un futuro musicale. Un artista come un’atleta deve allenarsi, fare la gavetta e non bastano due mesi di televisione per diventare artisti professionisti. Io ho lavorato per tanti anni ho mangiato panini ovunque e ho dormito nelle sale da ballo perché non avevo i soldi per andare nella pensione. Tutto questo, però ti rafforza”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook