Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: LUNGOMARE, CICLISTA AGGREDITO

CATANIA: LUNGOMARE, CICLISTA AGGREDITO

Domenica al lungomare durante lo stop del traffico, all’altezza di via del Rotolo, durante una rissa tra commercianti, un ragazzo è stato preso di mira da balordi e massacrato a calci e pugni. Dopo l’aggressione la sua bici è stata lanciata in mare.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: LUNGOMARE, CICLISTA AGGREDITO –

Catania. Durante lo stop al traffico ordinato dal sindaco Enzo Bianco nel lungomare, un ciclista coinvolto in una rissa tra commercianti e amanti delle due ruote è stato aggredito a calci e pugni e la sua bici è stata lanciata in mare. I tafferugli sono avvenuti al lungomare altezza via del Rotolo. Il giovane è stato medicato nel pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi. Dopo l’accaduto, il sindaco, Enzo Bianco, e gli assessori Rosario D’Agata e Salvo Di Salvo si sono recati al nosocomio per esprimere la loro solidarietà. Dure le parole del primo cittadino: “Addolora che, sulla stessa parte della barricata, si trovino certi soggetti insieme a persone oneste che da sempre si battono per la legalità e le regole. Noi comunque non arretriamo e siamo determinati a riconquistare, un pezzo dopo l’altro, la città al vivere civile. E l’appuntamento è per domenica prossima al Porto. È stato un atto di inaudita violenza. Il ragazzo, colpito con pugni e calci, è stato salvato da un vigile urbano che ho personalmente ringraziato per il suo intervento. È evidente che ci troviamo davanti a un pezzo di città restia al cambiamento e qualcuno, pochi per fortuna, pensa persino di poterci intimidire usando la violenza e metodi mafiosi”.
La Fipe Confcommercio di Catania è intervenuta con una: “condanna, in modo chiaro e senza mezzi termini, l’aggressione perpetrata ai danni di un ciclista ieri sera dopo la chiusura di una manifestazione civile, ad opera di personaggio inqualificabile”. I responsabili dell’associazione hanno aggiunto nella nota: “Non ammettiamo appelli e attenuanti per gli atti di violenza compiuti in ogni circostanza della nostra vita: li condanniamo sempre categoricamente, senza alcuna eccezione. Alle eventuali provocazioni non si può mai reagire con la violenza, ma ignorando le provocazioni stesse o con la forza del dialogo”. La fipe Confcommercio tiene a precisare che la manifestazione si “era svolta in assoluta serenità e civiltà, animati solo dalla forza delle idee e del dialogo, sino alla fine”. Poi i responsabili dell’associazione nella nota concludono: “restano assolutamente valide le ragioni di metodo e di merito espressi dalla categoria e dalla nostra organizzazione, ragioni che trovano un muro di gomma nella miope insensibilità e nella ipocrisia dell’amministrazione comunale, che, ci auguriamo non strumentalizzi i gravi atti, mai peraltro appartenuti al Dna della nostra organizzazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook