Archiviato in | Spettacolo, Teatro

TEATROIMPULSO: LABORATORIO MOLIERE CON GUARNERI

TEATROIMPULSO: LABORATORIO MOLIERE CON GUARNERI

Gli attori realizzeranno delle maschere sulle fattezze del volto del personaggio che immaginano e in seguito, usando queste maschere sul palcoscenico, scopriranno istintivamente il loro personaggio.

Print Friendly, PDF & Email

TEATROIMPULSO: LABORATORIO MOLIERE CON GUARNERI –

Teatroimpulso. Nell’ambito delle attività proposte all’interno della nuova realtà teatrale catanese di Teatroimpulso, l’inizio di un laboratorio teatrale sul testo del “Il Tartuffo” di Molière è sicuramente uno dei progetti di maggiore originalità. L’approccio didattico del laboratorio si può meglio comprendere attraverso le parole del regista e responsabile della compagnia Mario Guarneri: “la maniera abituale di avvicinarsi al testo è quella di studiare una battuta dopo l’altra fino alla fine del copione. Così facendo si perde la visione globale del progetto drammaturgico e questo induce facilmente in errore l’attore obbligando il regista a intervenire per riportarlo sui giusti binari. Tale compito non è sempre facile visto che riusciamo difficilmente ad abbandonare la prima idea che ci siamo fatti. Lo spettacolo diventa così una forzatura che l’attore fa a se stesso per accontentare il regista con il risultato di una perdita di forza volitiva del personaggio”. Il metodo proposto da Guarneri inverte questo processo facendo partire gli attori dalle fondamenta del testo per poi arrivare, una volta padroneggiata la struttura, ai dettagli. Questo è reso possibile dal punto di forza e ormai nota caratteristica di Teatroimpulso: l’utilizzo dell’improvvisazione. Mario Guarneri, avendo ricevuto la sua più importante formazione dal maestro russo Anatolij Vasiliev, ha esperienza con le improvvisazioni strutturate basate sulle circostanze del testo (etjud). Quest’approccio fa si che l’attore penetri nella struttura dell’opera senza essere indotto in errore dall’errata interpretazione di una battuta del suo personaggio. Questo metodo non è una rivoluzione ma un’elaborazione, fatta da alcuni registi russi del ‘900, di antichi principi della Commedia dell’arte italiana. “Condurremo la ricerca sul personaggio con la modalità dall’esterno all’interno.

Gli attori realizzeranno delle maschere sulle fattezze del volto del personaggio che immaginano e in seguito, usando queste maschere sul palcoscenico, scopriranno istintivamente il loro personaggio – spiega ancora il regista – Questo evita un’interpretazione troppo ragionata e fredda del ruolo che porta l’attore a mettere in scena atteggiamenti e personaggi stereotipati. Indossando la maschera l’attore libera il suo inconscio facendosi condizionare dall’immagine che quel volto evoca in se. È lo stesso principio primordiale mimetico che spinge il bambino, durante il gioco, a indossare gli abiti dei genitori o di personaggi per sentirsi e comportarsi automaticamente come loro”. Un laboratorio che porterà gli allievi partecipanti alla messa in scena dell’opera di Molière alla fine del percorso didattico (previsto per la prossima primavera). Assieme a questo interessante laboratorio le attività didattiche di Teatroimpulso propongono l’inizio, in queste settimane, dei consueti corsi di avviamento alla recitazione (tenuti dallo stesso regista Mario Guarneri), dei corsi di sceneggiatura cinematografica condotti da Sergio Barone (che hanno portato lo scorso anno alla premiazione al teatro La Fenice di Venezia di un giovane allievo catanese al prestigioso premio nazionale Mattador) e quelli di dizione e impostazione della voce diretti dalla bravissima attrice Maria Rita Sgarlato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook