Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CUFFARO RESTA IN CARCERE, CASSAZIONE RESPINGE RICORSO

CUFFARO RESTA IN CARCERE, CASSAZIONE RESPINGE RICORSO

La Cassazione ha respinto il ricorso del legale di Totò Cuffaro per l'affidamento ai servizi sociali. L'ex governatore siciliano sta scontando una condanna a sette anni per favoreggiamento a Cosa nostra.

Print Friendly, PDF & Email

CUFFARO RESTA IN CARCERE, CASSAZIONE RESPINGE RICORSO –

Cuffaro. L’ex presidente della Regione Siciliana Salvatore Cuffaro resta in carcere. Il politico siciliano sta scontando una condanna a sette anni per favoreggiamento aggravato a cosa nostra, nel carcere di Rebibbia. La Cassazione ha rigettato il ricorso del suo avvocato, Maria Brucale, contro l’ordinanza del tribunale di sorveglianza di Roma che, l’anno scorso, gli aveva negato la possibilità di finire di scontare la pena usufruendo dell’affidamento ai servizi sociali. La Procura generale della Cassazione aveva espresso parere favorevole all’istanza di affidamento in prova ai servizi sociali. Non sono ancora note le motivazioni della decisione. I giudici del tribunale di sorveglianza argomentarono il loro no sostenendo che l’ex presidente non aveva collaborato alle indagini consentendo il chiarimento delle zone d’ombra che ancora restano su alcuni fatti a lui contestati. E siccome la legge vede proprio nella collaborazione uno dei requisiti per la concessione del beneficio carcerario, il no fu secco.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook