Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: MUORE AMBULANTE CHE AVEVA TENTATO IL SUICIDIO

CATANIA: MUORE AMBULANTE CHE AVEVA TENTATO IL SUICIDIO

Non ce l’ha fatta, Salvatore La Fata, operaio edile disoccupato, era ricoverato in ospedale dal 19 settembre. L’uomo si era doto fuoco compiendo un gesto disperato dopo un accertamento dei vigili urbani

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: MUORE AMBULANTE CHE AVEVA TENTATO IL SUICIDIO –

Catania. Salvatore La Fata, operaio edile disoccupato, 56 anni che il 19 settembre scorso si era dato fuoco per disperazione in pieno centro della città. L’uomo è deceduto nell’ospedale Cannizzaro per i postumi di ustioni di secondo e terzo grado sul 60% del corpo. Subito le considerazioni di Mariano Ferro leader del Movimento dei Forconi: “un’altra vittima della crisi e della disperazione è morta e alla tragedia si associa anche il dolore di sapere che da domani, dopo un articolo con foto sui giornali nessuno parlerà più di lui. E chi si occuperà della sua famiglia? C’è un clima di disperazione diffuso a Catania e nel resto d’Italia e temiamo che ci possano essere altri casi. Il governo deve fare di tutto per mettere in moto l’economia. Per questo chiediamo un incontro urgente a Enzo Bianco. Confrontiamoci per fare fronte all’emergenza economica”. Salvatore La Fata, cercava di sbarcare il lunario come ambulante: poi il sequestro della merce che vendeva senza autorizzazioni da parte dei vigili urbani e il tragico gesto in piazza Risorgimento.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook