Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BLITZ ANTIMAFIA NEL PALERMITANO: PIZZO E APPALTI, IN MANETTE ANTONINO DI MARCO

BLITZ ANTIMAFIA NEL PALERMITANO: PIZZO E APPALTI, IN MANETTE ANTONINO DI MARCO

Operazione dei carabinieri tra Corleone e Palazzo Adriano: 5 arresti. In manette Antonino Di Marco, dipendente comunale e fedelissimo di Riina. Le imprese versavano il 3% alla mafia. Emerso il coinvolgimento del deputato regionale dell'Udc Nino Dina, attuale presidente della commissione Bilancio dell'Ars. I nomi degli arrestati

Print Friendly, PDF & Email

BLITZ ANTIMAFIA NEL PALERMITANO: PIZZO E APPALTI, IN MANETTE ANTONINO DI MARCO –

Blitz antimafia nel palermitano. E’ in corso una vasta operazione antimafia tra Corleone e Palazzo Adriano condotta e coordinata dalla compagnia dei carabinieri di Corleone e dal gruppo di Monreale partecipano anche unità cinofile e un elicottero. Impegnati nel blitz più di cento militari dell’arma. L’intervento è finalizzato all’esecuzione di cinque ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di associazione mafiosa. Le indagini sono state avviate nel 2012 dalla Dda di Palermo guidata da Leonardo Agueci e hanno contribuito a definire gli assetti mafiosi attuali del mandamento di Corleone. Sono stati i pedinamenti, ma soprattutto intercettazioni a svelare l’attività estorsiva messa a segno, in maniera capillare, dai clan e l’illecita gestione degli appalti, ma anche diversi contatti tra i fermati ed esponenti politici siciliani. Secondo gli investigatori, che hanno ricostruito ruoli e funzioni dei nuovi vertici della cosca di palazzo Adriano, nel mandamento di Corleone a svolgere le funzioni di capo sarebbe Antonino Di Marco, 58 anni, ex custode del campo sportivo e fratello di Vincenzo, che per anni ha svolto le mansioni di autista di Ninetta Bagarella, moglie del boss Totò Riina. Gli investigatori hanno inoltre accertato che Cosa nostra continuava a incassare sugli appalti il 3% dell’importo dei lavori e che, in alcuni casi, al posto della richiesta di denaro imponeva agli imprenditori assunzioni di personale e acquisto di mano d’opera nelle aziende vicine ai clan. Per convincere le vittime a cedere i boss sono ricorsi spesso a danneggiamenti e furti all’interno dei cantieri delle imprese taglieggiate.
Focus dell’indagine sarebbero anche stati i rapporti tra Di Marco e il deputato regionale dell’Udc, Nino Dina, attuale presidente della commissione Bilancio dell’Ars. Di Marco, secondo i carabinieri, sarebbe stato investito dai vertici del mandamento di Corleone del compito di controllare la gestione degli appalti nella zona del comune di palazzo Adriano. Il clan, infatti, avrebbe messo le mani su una serie di lavori decisi dal comune. Insieme a Di Marco sono stati arrestati Franco e Pasqualino D’Ugo, Nicola Parrino e Pietro Paolo Masaracchia. Inoltre, Di Marco è stato pedinato mentre si recava nella segreteria politica del parlamentare regionale. I carabinieri stanno accertando se vi sia stato un possibile interessamento nella campagna elettorale del politico da parte della cosca.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook