Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GENNY A CAROGNA È STATO ARRESTATO

GENNY A CAROGNA È STATO ARRESTATO

L'ultrà è accusato anche per la maglietta che indossava con la scritta “Speziale libero” inoltre è ritenuto responsabile degli scontri durante la finale di Coppa Italia. Proprio in quell'occasione esibì la scritta in difesa del tifoso catanese. Ad altri quattro sostenitori del Napoli è stato imposto l’obbligo di firma

Print Friendly, PDF & Email

GENNY A CAROGNA È STATO ARRESTATO –

Genny a carogna. Gennaro De Tommaso è considerato “leader e istigatore delle violenze” è accusato anche di violazione ‘sul divieto di striscioni e cartelli che incitano alla violenza o recano ingiurie o minacce’. L’ultrà meglio conosciuto come “Genny ‘a carogna”, indossava una maglietta con la scritta ‘Speziale libero’, riferita al tifoso catanese condannato per l’uccisione dell’ispettore di polizia Filippo Raciti nel 2007. Ora, si trova agli arresti domiciliari per gli incidenti accaduti a Tor di Quinto e all’interno dello stadio il 3 maggio scorso in occasione della finale di Coppa Italia. De Tommaso si è fatto conoscere per la presunta trattativa svoltasi all’Olimpico, prima dell’inizio della finale, tra dirigenti, forze dell’ordine e curva azzurra, inizialmente contraria a giocare dopo la notizia del ferimento di Ciro Esposito. Genny fu ripreso dalle telecamere mentre scavalcava la rete che separa il campo di gioco dai tifosi durante il suo colloquio con le forze dell’ordine e col capitano del Napoli Marek Hamsik, episodio che suscitò molte polemiche. Altre quattro persone sono stati sottoposti all’obbligo di firma; l’ordinanza fa riferimento a “condotte criminose” che hanno caratterizzato il pre-partita del 3 maggio della finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli, sia all’esterno dello stadio con alcuni episodi di resistenza nei confronti di agenti delle forze dell’ordine da parte di un gruppo di circa 100 ultras capeggiato da De Tommaso. Nel pre-partita, oltre ai disordini a cui fa riferimento l’ordinanza ci furono episodi di violenza nei pressi di Tor Di Quinto che portarono al ferimento del tifoso del Napoli Ciro Esposito, che morì dopo settimane di agonia. Per la morte di Esposito è accusato l’ultrà giallorosso Daniele De Santis. Ora gli indagati sono accusati a vario titolo di concorso in resistenza a pubblico ufficiale e violazione della normativa sulle competizioni sportive, in particolare “lancio di materiale pericoloso ed invasione di campo in occasione di manifestazioni sportive”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook