CATANIA: TEATRO BELLINI, PROTESTANO I LAVORATORI PRECARI

CATANIA: TEATRO BELLINI, PROTESTANO I LAVORATORI PRECARI

Si acuisce la protesta dei lavoratori stagionali del teatro Massimo Bellini. I dipendenti a tempo determinato avevano cominciato a lamentarsi due giorni fa per il mancato rinnovo del contratto: Siamo disposti a fare lo sciopero della fame, avevano gridato. Intanto uno dei precari ha avuto un malore

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: TEATRO BELLINI, PROTESTANO I PRECARI –

Catania. I dipendenti a tempo determinato del Teatro Bellini di Catania da due giorni sono sul tetto dell’edificio per protestare contro il mancato rinnovo del contratto di lavoro. “Non abbiamo i soldi per vivere”, ripetono ormai i manifestanti che sono ancora sul tetto del teatro. Mentre un lavoratore è stato colto da malore e soccorso dal personale medico del 118. Intanto, i lavoratori stagionali del Teatro, hanno deciso di iniziare lo sciopero della fame. “La vertenza – sottolineano in una nota i vertici del sindacato – coinvolge 28 tra autisti, addetti al controllo di sicurezza dei macchinari, falegnami, pittori, caldaisti, archivisti, sarti, uscieri e tante altre figure professionali che vivono una condizione di precariato da circa 20 anni”. Antonio Santonocito, segretario regionale Snalv della ConfSal sottolinea: “è assurdo che si debba arrivare a queste forme di protesta perché un diritto acquisito venga rispettato. Ora attendiamo di capire come il sindaco di Catania, Enzo Bianco, in qualità di presidente del Cda del Bellini, risolverà la vertenza, ma che sia ben chiaro, questi lavoratori non stanno chiedendo l’elemosina ad alcuno. Al contrario, ciò che dovrebbe essere dato per scontato, ovvero il rinnovo del contratto, non lo è”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook