Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MARIKA, CHIESTO IL SILENZIO STAMPA

MARIKA, CHIESTO IL SILENZIO STAMPA

“Spegnete i riflettori, è il momento di far calare il silenzio per il bene della piccola Marika”, questo l’appello lanciato dal prof. Renato Scifo, primario del reparto Neuro-psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ospedale di Acireale, che da due giorni si occupa della 14enne ferita dalle coltellate del padre Roberto.

Print Friendly, PDF & Email

CHIESTO IL SILENZIO STAMPA

Marika. “Spegnete i riflettori, è il momento di far calare il silenzio per il bene della piccola Marika”, questo l’appello lanciato dal prof. Renato Scifo, primario del reparto Neuro-psichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ospedale di Acireale, che da due giorni si occupa della 14enne ferita dalle coltellate del padre Roberto. La vittima, infatti, dopo avere avuto le cure fisiche presso l’ospedale Garibaldi di Catania, da due giorni si trova all’ospedale di Acireale dove sta ricevendo le cure idonee per ritornare alla “normalità”. Una normalità che, purtroppo, però non sarà più la stessa. Marika, infatti, dal momento del suo risveglio in ospedale ha sempre paura di chiudere gli occhi perché “vede” il papà che si trasforma in “mostro” e accoltella lei e la piccola sorellina Laura, che purtroppo ha perso la vita. “Marika resterà in ricovero con noi per pochi giorni – ha spiegato il prof. Scifo – poi passera in carico alla neuropsichiatria della nostra Asp per interventi domiciliari e ambulatoriali. Adesso, però è fondamentale che si crei una protezione intorno alla famiglia e alla ragazza e per questo a livello specialistico, insieme al volere della famiglia, vorremmo che si attivasse un silenzio stampa di tipo protettivo, perché Marika deve ricominciare a prendere contatti con l’entourage. Vedere che tutti si tengono aggiornato sulla sua vita o trovare il proprio nome nei media, rallenterebbe il percorso complesso di riabilitazione”. “Adesso – continua il primario – avviene un supporto psicologico e di valutazione dei sintomi con la regolarizzazione dei ritmi, come il sonno, la veglia e l’alimentazione ma soprattutto recupero con l’ambiente che la circonda. Tutto viene monitorato dalla nsotra equipe ed anche dagli inquirenti che poi devono valutare le varie possibilità. Tutto con il massimo riservo e soprattutto senza amplificazione mediatica che va a discapito della ragazza”.  A Marika è stato comunicato che la sorellina adesso non c’è più? “Non posso ne confermare né smentire. Posso solo dire che il percorso di riabilitazione e di guarigione passa attraverso un accettazione ed elaborazione della realtà dei fatti. Le modalità e i tempi vengono valutati da ogni singola equipe. Marika è dotata di un ottimo livello intellettivo, il passaggio di guarigione passa attraverso un doloroso lento accettazione della realtà”. Marika ritornerà a scuola con l’apertura del nuovo anno scolastico? “Sono valutazioni premature, questo è uno degli obiettivi da raggiungere ma si potrà valutare solo nei prossimi giorni. Perché bisogna capire se la ragazza potrà esporsi in una situazione sociale così importante come la scuola”. “Adesso – conclude il dott. Scifo – è il momento di spegnere i riflettori su Marika per una forma di rispetto nei suoi confronti e della famiglia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook