ALITALIA: CANCELLATI I VOLI DIRETTI PER IL SUD

ALITALIA: CANCELLATI I VOLI DIRETTI PER IL SUD

Il paese spezzato in due. Da Roma transiteranno Tutti i voli. Si mobilitano le compagnie low cost e i politici manifestano il loro dissenso. Il sindaco Fassino chiede l'intervento del premier Matteo Renzi e del ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi e domani vedrà l'ad di Alitalia, Gabriele Del Torchio.

Print Friendly, PDF & Email

ALITALIA: CANCELLATI I VOLI DIRETTI PER IL SUD –

Alitalia. Dal primo ottobre Alitalia sopprime i collegamenti con Alghero, Bari, Catania, Lamezia, Reggio Calabria e Palermo. La ex compagnia di bandiera taglia i voli da Caselle per il Sud e per le isole: Torino e il Piemonte sul piede di guerra. Scendono in campo il sindaco Piero Fassino e il presidente della Regione Sergio Chiamparino che chiedono l’intervento del governo, mentre l’aeroporto di Caselle “è già al lavoro per garantire con altre compagnie aeree i collegamenti cancellati”. Il sindaco di Catania Enzo Bianco, che ha parlato anche a nome del Distretto della Sicilia del Sud-Est ha evidenziato che: “non si può pensare di spezzare in due il Paese. La pessima situazione delle ferrovie nel Sud a causa di scelte che continuano a penalizzare il Meridione, rendono ancor più grave la decisione dell’ex compagnia di bandiera. Lo sviluppo del Mezzogiorno passa anche dai collegamenti aerei e lo stesso premier Matteo Renzi ha recentemente ribadito che il rilancio dell’Italia passa dal rilancio del Sud. “non si riesce davvero a comprendere quali vantaggi economici possano esserci nel rinunciare alle tratte sud nord più frequentate e produttive”. Il sindaco di Catania ha detto di essersi già sentito con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio e con Piero Fassino, presidente dell’Anci e sindaco di Torino, per fronteggiare la situazione.
Tra le ipotesi in campo quella di una base a Torino di Ryanair, formulata dallo stesso vettore low cost nei mesi scorsi. Fassino, che ha chiesto l’intervento del premier Matteo Renzi e del ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi e oggi vedrà l’ad di Alitalia, Gabriele Del Torchio, ha convocato per lunedì un incontro con Regione, Camera di Commercio, Unione Industriale e i vertici della Sagat, Giuseppe Donato e Roberto Barbieri. La Sagat, società che gestisce lo scalo torinese spiega che dopo l’accordo con l’araba Etihad, Alitalia ha deciso Il taglio di diversi collegamenti non solo quello di Torino, ma tutti gli scali del Nord, ad eccezione di Milano per il quale è previsto comunque un ridimensionamento. Prima a raccogliere le opportunità di mercato la compagnia low cost spagnola Volotea che annuncia l’aumento dell’offerta sulle rotte dismesse da Air One a partire da Palermo.
E ancora la Sagat evidenzia la: “non redditività delle tratte coinvolte dalle drastiche e repentine scelte della compagnia questa riguarda esclusivamente il Gruppo Alitalia e la sua organizzazione. Le rotte da Torino verso il Sud registrano altissimi coefficienti di riempimento dei voli e rappresentano una potenzialità per altri vettori”. Fassino sottolinea che “non è un dispetto a Torino ma una scelta strategica dell’azienda, che provoca un grande disagio”, mentre Chiamparino commenta la decisione affermando: “decideremo insieme le azioni comuni nei confronti del Governo per cercare di limitare l’inconcepibile perdita della quasi totalità dei collegamenti nazionali dall’aeroporto di Caselle”, Intanto i politici sollecitano un intervento del ministro Lupi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook