ARS: FLOP DAY, SCILABRA SENTITA IN COMMISSIONE LAVORO

ARS: FLOP DAY, SCILABRA SENTITA IN COMMISSIONE LAVORO

L’assessore Nelli Scilabra sul flop day del Piano giovani è stata sentita in commissione Lavoro dell'Ars interviene in merito: "non ho mai costretto l'ex dirigente a firmare atti" e deposita una controrelazione in replica al dossier consegnato alla commissione, martedi scorso, dall'ex direttore del dipartimento Formazione Anna Rosa Corsello.

Print Friendly, PDF & Email

ARS: FLOP DAY, SCILABRA SENTITA IN COMMISSIONE LAVORO –

Ars. L’assessore Nelli Scilabra ha depositato una controrelazione in replica al dossier consegnato alla commissione lavoro dell’Ars, martedi scorso, dall’ex direttore del dipartimento Formazione Anna Rosa Corsello. Intanto la commissione Lavoro dell’Ars, presieduta da Marcello Greco, ha ascoltato in audizione straordinaria l’assessore regionale alla Formazione Nelli Scilabra sulle vicende del flop day del Piano giovani. L’assessore Scilabra che ieri ha partecipato a un incontro al ministero sul Piano Giovani insieme ad alcuni rappresentanti di Italia Lavoro è intervenuta sulla vicenda fallimento del click Day: “Il ministero del Lavoro ci ha chiesto di revocare il bando su Piano e Garanzia giovani pubblicato il 18 agosto scorso dall’ex dirigente Corsello”. Il bando era stato pubblicato dall’ex dirigente del dipartimento Formazione Anna Rosa Corsello, dopo il flop del click day del 5 agosto scorso per i tirocini. L’assessore ha sottolineato di non aver: “mai fatto pressioni su chicchessia, figuriamoci nei confronti di una dirigente come Anna Rosa Corsello con un pedigree burocratico importante. Non ho mai costretto l’ex dirigente a firmare atti, anche perché la gestione amministrativa era di sua competenza”. Poi aggiunge: “ebbene sì, questa vicenda è un’indelebile pagina di raro squallore. Non mi ha scandalizzato il fatto che un portale informatico potesse riscontrare dei problemi, sarebbe bastato accertare la responsabilità e risolvere il problema come ho legittimamente chiesto per ripartire, invece si è preferito sollevare un gran polverone e orchestrare una battaglia tra burocrazia, parte di questo Parlamento e il governo. Penso a quelle siciliane e quei siciliani che hanno visto gettare al vento 5 miliardi di euro negli ultimi 10 anni per una formazione professionale che è servita in larga parte a finanziare campagne elettorali, viaggi, escort e altre irreprensibili e leggendarie scorribande da parte del gruppo dirigente siciliano”. E ancora l’assessore Scilabra spiega: “coloro che hanno sostenuto via via i diversi assessori alla formazione professionale che mi hanno proceduto oggi chiedono la mia testa e minacciano una mozione di censura. Presentatela, depositatela e probabilmente avrete anche il sostegno di una parte del mio partito, quella che ha convocato organismi e vertici politici sul Click day e che non ha mai affrontato la questione morale e politica derivante dagli scandali della formazione professionale in Sicilia”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook