Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO RICORDA UCCISIONE DEL GENERALE DALLA CHIESA

PALERMO RICORDA UCCISIONE DEL GENERALE DALLA CHIESA

Ricordato A Palermo l'assassinio del generale Dalla Chiesa. Il figlio Nando sulle intercettazioni del boss in carcere: Riina parlando in carcere con un detenuto, aveva esplicitamente detto che qualcuno aveva svuotato, dopo il delitto, la cassaforte della residenza palermitana del generale.

Print Friendly, PDF & Email

PALERMO RICORDA UCCISIONE DEL GENERALE DALLA CHIESA –

Palermo. Il ricordo è iniziato con la deposizione di corone in via Isidoro Carini, quando 32 anni fa furono assassinati, a Palermo, il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e il poliziotto di scorta Domenico Russo. Presenti, il presidente del senato Piero Grasso, il presidente della commissione antimafia Rosi Bindi, il cardinale di Palermo Paolo Romeo, il sindaco Leoluca Orlando ed esponenti della magistratura e delle forze dell’ordine. Alla cerimonia ha partecipato anche il figlio del generale, Nando Dalla Chiesa. Nel suo intervento il presidente del Senato Pietro Grasso ha detto: “Sono qua per rendere omaggio alla memoria del prefetto Dalla Chiesa, simbolo della lotta dello Stato a Cosa nostra. Dobbiamo fare in modo che quello che è successo a lui non succeda più. Oggi è difficile che qualcuno delle istituzioni resti solo perché la società civile è vigile. Movimenti come Addiopizzo fanno onore a Dalla Chiesa”. Poi, i giornalisti hanno chiesto a Grasso se le esternazioni in carcere del boss Totò Riina contenessero delle reali minacce: “Sono valutazioni che spettano agli organi competenti” ha risposto l’alta istituzione dello Stato. E sulla trattativa Stato-mafia risponde: “Come sapete non parlo dei processi in corso e peraltro in questo sono anche testimone. Anche Nando Dalla Chiesa, figli del generale ucciso ha commentato: “le parole intercettate di Totò Riina confermano però i sospetti che manifestammo da subito”. Il boss parlando in carcere con un detenuto, aveva esplicitamente detto che qualcuno aveva svuotato, dopo il delitto, la cassaforte della residenza palermitana del generale. Tema più volte asserito dai familiari di Dalla Chiesa che trovano, ora, una singolare conferma nelle dichiarazioni intercettate del capomafia. L’altra posta dai cronisti – se Riina parli o meno di cose che conosce personalmente – Dalla Chiesa ha risposto: “Certo. Non c’è dubbio. E quando, riferendosi a chi svuotò la cassaforte, dice ‘loro’ vuol dire che nella casa di mio padre certo non entrò Cosa nostra”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook