CATANIA: VERTENZA ODA, IN 430 DA 4 MESI SENZA PAGA

CATANIA: VERTENZA ODA, IN 430 DA 4 MESI SENZA PAGA

Mentre i Sociosanitari dell’ospedale Cannizzaro sono in agitazione, i 430 lavoratori dell’opera diocesana assistenza non percepiscono da quattro mesi lo stipendio. Intanto, il sindacalista Corrado Tabbita Siena pone il quesito ai gestori dell'Oda: “l'Asp paga puntualmente, il denaro dove finisce?”.

Print Friendly, PDF & Email

VERTENZA ODA, IN 430 DA 4 MESI SENZA STIPENDIO –

Catania. Sono in 430 i lavoratori dell’oda con varie qualifiche: logopedisti, terapisti, riabilitatori, educatori che lavorano in quattro strutture dell’opera Diocesana assistenza. Le prestazioni sono state pagate puntualmente dall’Asp, anche per i dipendenti della Cola-coop che gestisce i lavoratori sociosanitari dell’ospedale Cannizzaro. I dipendenti dell’Oda si preparano per una giornata di protesta, per ricordare l’esito della riunione in Prefettura di luglio, quando il Cda dell’Oda, aveva assicurato che i pagamenti sarebbero stati puntuali. Ancora gli stipendi di maggio, giugno, luglio e agosto, risultano non essere stati onorati. I dipendenti sono economicamente allo stremo, e nonostante ciò il servizio viene espletato con grande spirito di sacrificio. L’Asp paga tempestivamente le prestazioni, in giornata sarà completata la documentazione per il pagamento tramite bonifico di 3,5milioni di euro, ma i soldi secondo i sindacati “si perdono”, tra le scartoffie dei piani alti della burocrazia porporata. Quattro delle 8 strutture gestite dall’Oda ricevono il rimborso delle prestazioni erogate dall’Asp etnea. Le altre 4 dovrebbero essere retribuite dai comuni, che spesso sono in rosso. Alla fine, i fondi vincolati dell’Asp non bastano mai e i dipendenti restano in attesa degli stipendi che vengono pagati con notevole ritardo. Corrado Tabbita Siena rappresentante sindacale dei lavoratori Oda assieme agli stessi dipendenti chiedono che la vicenda venga risolta “una volta per tutte”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook