Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DON CIOTTI: COMBATTERE LA MAFIA ESSERE FEDELI AL VANGELO

DON CIOTTI: COMBATTERE LA MAFIA ESSERE FEDELI AL VANGELO

"Lotta antimafia è fedeltà al Vangelo": Don Luigi Ciotti sulle minacce di morte di Riina intercettate in carcere. Dopo le frasi su Scaglione e Berlusconi, come rivela la stampa, Riina avrebbe pronunziato frasi di morte nei riguardi di don Luigi Ciotti. Il sacerdote fondatore dell’associazione Libera ha speso grandi energie per la lotta antimafia e, soprattutto per recuperare i beni sequestrati ai boss. Don Ciotti afferma che "la criminalità sa fiutare il pericolo, sente che l'insidia viene anche dalla ribellione delle coscienze”. Poi aggiunge: “le intimidazioni non sono rivolte a me, ma a tutti i cittadini di Libera"

Print Friendly, PDF & Email

DON CIOTTI: COMBATTERE LA MAFIA ESSERE FEDELI AL VANGELO –

Don Ciotti, Il sacerdote coraggioso viene paragonato dal boss Totò Riina a don Pino Puglisi, simbolo della rivolta civile del quartiere Brancaccio di Palermo, ucciso nel giorno del suo compleanno per ordine dei fratelli Graviano. In una intercettazione, Riina dice: “questo prete è una stampa e una figura che somiglia a padre Puglisi….Ciotti, Ciotti, putissimo pure ammazzarlo”. Le frasi sono state pronunziate il 14 settembre 2013 e misero subito in allerta le forze dell’ordine che aumentarono la protezione nei confronti del sacerdote minacciato. In un primo momento Don Ciotti si era trincerato nel più stretto riserbo e solo dopo con una nota è intervenuto in merito alla vicenda. Ha espresso concetti duri pregne di grande significato. Infatti, don Luigi Ciotti dopo le minacce di Totò Riina intercettate in carcere afferma: “per me l’impegno contro la mafia è da sempre un atto di fedeltà al Vangelo, alla sua denuncia delle ingiustizie, delle violenze, al suo stare dalla parte delle vittime, dei poveri, degli esclusi. Al suo richiamarci a una ‘fame e sete di giustizia’ che va vissuta a partire da qui, da questo mondo”.”Riguardo don Puglisi, che Riina cita e a cui non oso paragonarmi perché sono un uomo piccolo e fragile, un mafioso divenuto collaboratore di giustizia parlò di ‘sacerdoti che interferiscono’. Ecco io mi riconosco in questa Chiesa che ‘interferisce”. Ancora don Ciotti interviene evidenziando: “le minacce di Totò Riina dal carcere sono molto significative. Non sono infatti rivolte solo a Luigi Ciotti, ma a tutte le persone che in vent’anni di Libera si sono impegnate per la giustizia e la dignità del nostro Paese. Cittadini a tempo pieno, non a intermittenza”. Il sacerdote aggiunge: “Solo un ‘noi’, non mi stancherò di dirlo può opporsi alle mafie e alla corruzione.

Libera è cosciente dei suoi limiti, dei suoi errori, delle sue fragilità, per questo ha sempre creduto nel fare insieme, creduto che in tanti possiamo fare quello che da soli è impossibile. Le mafie sanno fiutare il pericolo. Sentono che l’insidia, oltre che dalle forze di polizia e da gran parte della magistratura, viene dalla ribellione delle coscienze, dalle comunità che rialzano la testa e non accettano più il fatalismo, la sottomissione, il silenzio. Queste minacce sono la prova che questo impegno è incisivo, graffiante, gli toglie la terra da sotto i piedi. Siamo al fianco dei famigliari delle vittime, di chi attende giustizia e verità, ma anche di chi caduto nelle reti criminali, vuole voltare pagina, collaborare con la giustizia, scegliere la via dell’onestà e della dignità. Molti familiari vanno nelle carceri minorili dove sono rinchiusi anche ragazzi affiliati alle cosche”.

Poi, don Ciotti prosegue: “la corruzione sta mangiando il nostro Paese, le nostre speranze! Corrotti e corruttori si danno manforte per minimizzare o perfino negare il reato. Ai loro occhi è un’azione senza colpevoli e dunque senza vittime, invece la vittima c’è, eccome: è la società, siamo tutti noi. Lo stesso vale per la corruzione, che è l’incubatrice delle mafie. C’è una mentalità che dobbiamo sradicare, quella della mafiosità, dei patti sottobanco, dall’intrallazzo in guanti bianchi, dalla disonestà condita da buone maniere”. La mafia non è solo un fatto criminale, ma l’effetto di un vuoto di democrazia, di giustizia sociale, di bene comune, la politica deve fare di più. Ci sono provvedimenti urgenti da intraprendere e approvare senza troppe mediazioni e compromessi. Ad esempio sulla confisca dei beni, che è un doppio affronto per la mafia, come anche le parole di Riina confermano. Quei beni restituiti a uso sociale segnano un meno nei bilanci delle mafie e un più in quelli della cultura, del lavoro, della dignità che non si piega alle prepotenze e alle scorciatoie”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook