Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT): PADRE ACCOLTELLA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO

SAN GIOVANNI LA PUNTA (CT): PADRE ACCOLTELLA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO

Il papà ha colpito le figlie di 14 e 12 anni mentre dormivano nella loro casa sul viale della Regione. In casa erano presenti anche gli altri due figli che si sono accorti dell’atto criminale e hanno tentato di bloccare il genitore e poi dato l’allarme. La tragedia si è consumata questa mattina, la più piccola non ce l’ha fatta, l’altra sorellina è ricoverata in condizioni disperate. L'uomo, Roberto Russo, 47 anni è stato arrestato. Da due anni si arrangiava facendo l'ambulante. Il rapporto matrimoniale non funzionava e lei si era trasferita dai genitori.

Print Friendly, PDF & Email

 

PADRE ACCOLTELLA LE FIGLIE E TENTA IL SUICIDIO –

San Giovanni La Punta. L’episodio è avvenuto poco dopo le 7 di stamattina. Roberto Russo di 47 anni ha accoltellato due delle sue figlie, di 14 e 12 anni, mentre dormivano nella loro casa a San Giovanni La Punta sul viale della Regione. La più piccola è spirata. Dopo aver compiuto l’atto criminale l’uomo ha tentato il suicidio. In casa erano presenti anche gli altri due figli che si sono accorti del gesto criminale e hanno tentato di bloccare il genitore, poi hanno chiamato i soccorsi. In casa al momento dell’aggressione non era presente la moglie dell’uomo, una donna di 43 anni. Russo nel tentativo di uccidersi si è provocato una profonda ferita all’addome. Sconosciuto, per il momento, il movente del gesto. Già i carabinieri del comando provinciale di Catania hanno eseguito il provvedimento di arresto, l’uomo ècarabinieri_accoltella_figlie_s.g.la.punta_ct2 piantonato nell’ospedale Garibaldi centro, dove è sottoposto a un delicato intervento chirurgico per la grave ferita all’addome. L’uomo da due anni era ufficialmente senza lavoro, dopo essere stato licenziato, per problemi economici, da un’azienda che lavorava per la grande distribuzione. Viveva facendo il venditore ambulante. Da tempo era entrato in crisi con la moglie, che recentemente si era trasferita in casa dei suoi genitori. Gli abitanti del paese in provincia di Catania sono sbigottiti i vicini, stupiti dal gesto criminale che ha compiuto Russo continuano a ripetere che era innamorato della sua famiglia e soprattutto amava le sue figlie. L’operaio da due anni era disoccupato e molti non sapevano della crisi che si era insinuata nel loro rapporto e che addirittura la moglie fosse andata a vivere fuori di casa. Nel palazzo di via della Regione, a San Giovanni la Punta, abitano anche diversi familiari dell’uomo mentre i conoscenti definiscono la famiglia tranquilla. I militari vigilano l’edificio e continuano a indagare sulla dinamica dell’incidente e sui motivi che hanno spinto il padre a compiere l’aggressione criminale

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook