PIANO GIOVANI: SCILABRA CONVOCATA IN PROCURA

PIANO GIOVANI: SCILABRA CONVOCATA IN PROCURA

Piano giovani, la procura della Repubblica di Palermo ha convocato l'assessore regionale alla Formazione come persona informata sui fatti. Intanto, la Corte dei conti ha aperto un'indagine su un eventuale danno erariale

Print Friendly, PDF & Email

 

SCILABRA CONVOCATA IN PROCURA –

Piano Giovani. L’assessore alla Formazione della Regione Siciliana, Nelli Scilabra sarà ascoltata oggi in Procura a Palermo come persona informata sui fatti. Dopo il fallimento del ‘click day’ dello scorso 5 agosto, i magistrati hanno aperto un fascicolo sul trambusto provocato dal Piano Giovani pubblicato sul sito internet. Il procuratore aggiunto Dino Petralia ha aperto le indagini a carico di ignoti. Particolarmente presi in considerazione gli affidamenti diretti da parte della Regione per la gestione della piattaforma informatica, che doveva gestire gli incroci tra domanda ed offerta di lavoro, ma che, invece, si è trasformato in un clamoroso flop, non permettendo a migliaia di giovani di registrarsi per concorrere alle selezioni per i tirocini da 500 euro al mese. Intanto, sull’accaduto anche la Corte dei conti ha aperto un’indagine per valutare eventuali danni erariali. Inoltre, all’Ars è stata convocata per martedì prossimo una seduta straordinaria della commissione, dedicata esclusivamente al pasticcio del Piano giovani. Una seduta straordinaria della commissione Lavoro, impegnando i deputati a ritornare anticipatamente dalle ferie. Oggetto dalla discussione l’intera vicenda con l’audizione degli assessori Nelli Scilabra per la formazione e Giuseppe Bruno per il Lavoro. Inoltre, sarà ascoltata Anna Rosa Corsello, dirigente generale del dipartimento Formazione, con interim anche per il Lavoro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook