PIANO GIOVANI: CROCETTA “BASTA POLEMICHE”, SCILABRA DAL PROCURATORE

PIANO GIOVANI: CROCETTA “BASTA POLEMICHE”, SCILABRA DAL PROCURATORE

Il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta, ha commentato la vicenda: "mettere fine a polemiche e daremo opportunità di lavoro a migliaia di giovani. Niente sconti per le aziende che hanno sbagliato". Intanto, l'assessore regionale per la Formazione, Nelli Scilabra, è stata ascoltata come persona informata sui fatti nei locali della squadra mobile di Palermo dal procuratore aggiunto Dino Petralia, che ha aperto un fascicolo sugli affidamenti per la gestione del Click day

Print Friendly, PDF & Email

 CROCETTA “BASTA POLEMICHE”, SCILABRA DAL PROCURATORE –

Piano giovani. Il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, dopo il flop del sistema informatico per la selezione dei tirocinanti nell’ambito del Piano giovani, ha assicurato che le cose presto cambieranno: “La prossima settimana metteremo la parola fine alle polemiche sul fallimento del Click day con scelte definitive, sapendo che si fa gioco di squadra per dare risposte e regole certe agli utenti e che l’autonomia gestionale dei dirigenti della Regione non può trasformarsi in decisioni-spot, casuali e in contraddizione tra di loro. Ci sono delle aziende che hanno causato danni alla Regione, a loro non faremo alcuno sconto. Nessuno s’illuda che questa storia finirà senza conseguenze”. Crocetta in una nota ribadisce che il Click day non si può identificare nel Piano giovani e chi esaspera il fallimento della selezione del 5 agosto è veramente infantile. Poi, afferma: “il Piano giovani sarà un grande successo e darà opportunità di lavoro a migliaia di giovani. Basta con le polemiche e con le dichiarazioni”. Intanto, Nelli Scilabra assessore regionale per la Formazione, è stata ascoltata come persona informata sui fatti per oltre due ore nei locali della squadra mobile di Palermo dal procuratore aggiunto Dino Petralia. Infatti il magistrato ha aperto un’inchiesta sugli affidamenti per la mala gestione del ‘Click day’. Le indagini sono state avviate a seguito della divulgazione di alcune notizie di stampa sulla vicenda. La Scilabra, non è indagata ed è stata sentita per acquisire informazioni sulla vicenda. Anche la Corte dei conti indaga per accertare un eventuale danno erariale. Al termine del colloquio l’assessore ha dichiarato: “Mi sento sollevata e ringrazio la Procura della Repubblica di Palermo per la tempestività del suo intervento che mi rassicura e conforta. Voglio che si faccia piena luce su una vicenda piuttosto torbida. Abbiamo iniziato a ricostruire fatti e circostanze e continueremo nelle prossime settimane. Ho assicurato piena e totale collaborazione”. Dal punto di vista della Scilabra vi è uno scontro chiaro tra una parte che vuole il cambiamento, e l’altra che vuole conservare e proteggere un sistema. Infine sottolinea: ”qualora dovessi prendere atto dell’impossibilita di operare in futuro con serenità e fiducia per gli stessi scopi che hanno fin qui rappresentato la ‘mission’ del mio impegno non esiterò un istante a trarne le dovute conseguenze. Adesso la priorità è salvare il Piano giovani e rilanciarlo. Questo sarà il miglior modo per chiedere scusa ai tanti giovani siciliani, offesi da una parte delle istituzioni”. Crocetta in una nota ribadisce che il Click day non si può identificare nel Piano giovani e chi esaspera il fallimento della selezione del 5 agosto è veramente infantile. Poi, afferma: “il Piano giovani sarà un grande successo e darà opportunità di lavoro a migliaia di giovani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook