Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Lavoro

PERLA JONICA: A BREVE L’INIZIO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

PERLA JONICA: A BREVE L’INIZIO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Il progetto è pronto per essere realizzato, in programma centinaia di posti di lavoro e le questioni urbanistiche pare siano risolte. Il finanziamento inziale di 21 milioni di euro per la trasformazione della struttura alberghiera in centro turistico d'elite potrebbe aumentare fino 35 milioni di euro.

Print Friendly, PDF & Email

A BREVE L’INIZIO DEI LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE

Perla Jonica. Per la riqualificazione della ‘Perla Jonica’, struttura ricettiva che si trova ad Acireale (Catania), il gruppo Mps Capital Services, la corporate ed investment bank del gruppo, si legge in una nota, interviene sul mercato turistico alberghiero con un finanziamento per l’ampliamento di circa 21 milioni di euro, destinato a trasformarsi in un finanziamento senior di circa 35 mln che completerà l’intera operazione in favore di Item, società di investimenti e sviluppo, a forte vocazione gestionale alberghiera, con sede in Italia. L’investimento mira alla riqualificazione di una struttura alberghiera attualmente in stato di manutenzione precario, che verrà completamente ristrutturata e riadattata secondo gli standard di eccellenza per un turismo esclusivo e d’elite. Un albergo che ha la pretesa di essere “il complesso convegnistico-alberghiero più grande del Mediterraneo”, ha bisogno quantomeno di un porticciolo turistico, ma soprattutto al plesso servirebbe anche una spiaggetta privata, con un possibile ampliamento di quella esistente e del porticciolo che si trova a poche centinaia di metri dall’albergo così i posti di lavoro potrebbero aumentare vertiginosamente. L’operazione, che doterà il complesso di 420 camere, di centro congressi, di piscine coperte e scoperte, ristoranti e caffè, verrà eseguita su di una superficie complessiva di 49 mila metri quadrati. Secondo la Item Srl, la realizzazione del progetto richiederà da uno a due anni e per il completamento dei lavori, potrebbero essere impiegati fino a 300 addetti. Inoltre, bisogna considerare una frase contenuta nel comunicato stampa della Item, dove si legge a chiare lettere che: “La Item sta valutando una serie di progetti legati a Capo Mulini per valorizzare il catanese”. Durante i lavori, il general contractor avrà l’obbligo di avvalersi di imprese locali per incrementare le ricadute economiche sul territorio, mentre, una volta a pieno regime, il complesso darà lavoro a 400 famiglie oltre l’indotto”. Considerando la fase di realizzazione dell’albergo e quella successiva di gestione, complessivamente i posti di lavoro dovrebbero toccare quota 700 unità.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook