CATANIA: LIBERA, ‘RISOLVERE I PROBLEMI DELLA FESTA DI SANT’AGATA’

CATANIA: LIBERA, ‘RISOLVERE I PROBLEMI DELLA FESTA DI SANT’AGATA’

L'associazione Libera chiede al sindaco di Catania un tavolo per risolvere i problemi della festa. Alla vigilia delle celebrazioni estive c’è il tempo per intervenire: Il sindaco "Ci aveva assicurato un regolamento, non ce n'è traccia. Stop ad abusivismo e mancanza di controlli - Chiediamo inoltre che le istituzioni responsabili (prefettura, Chiesa e Comune) si riuniscano quanto prima per coordinare la loro risposta ai problemi della festa di febbraio”

Print Friendly, PDF & Email

LIBERA: ‘RISOLVERE I PROBLEMI DELLA FESTA DI SANT’AGATA’ –

Catania. l’associazione Libera chiede all’amministrazione etnea l’impegno assunto nel 2013 per l’approvazione di un regolamento della Festa di S. Agata, che a tutt’oggi è inesistente. Nella nota si legge: “Catania domani festeggerà l’ottocentoottantottesimo anniversario del ritorno delle reliquie di Sant’Agata da Costantinopoli, ma i problemi di legalità della principale manifestazione religiosa in onore della patrona, quella di febbraio, rimangono in massima parte irrisolti”. Alla vigilia della celebrazione estiva, durante la quale il municipio resterà aperto dalle 9 alle 12.30 per consentire ai cittadini di visitare i tesori di Palazzo degli Elefanti ancora nulla s’è fatto. Auguriamo alla città una serena giornata, ma pur tenendo conto di alcuni progressi il Comitato per la legalità nella festa di S. Agata chiede ancora una volta al sindaco di Catania di convocare in tempi brevi un tavolo di coordinamento tra le varie componenti della festa di febbraio, come la chiesa cattolica con le associazioni agatine, i gestori del fercolo, ecc.; il Comune con le corporazioni delle candelore; la protezione civile; le forze dell’ordine e il comitato per la legalità. Lo scopo è quello di trovare una soluzione condivisa sui problemi dell’edizione di febbraio della festa”.
L’associazione vuole ricordare al sindaco Bianco: “l’impegno assunto nel 2013 con Libera per l’approvazione di un regolamento della Festa di S. Agata, oggi tuttora inesistente. Chiediamo inoltre che le istituzioni responsabili (prefettura, Chiesa e Comune) si riuniscano quanto prima per coordinare la loro risposta ai problemi della festa di febbraio, e che non decidano, come tutti gli anni precedenti, di incontrarsi soltanto poche settimane prima dell’evento. I più importanti problemi di legalità delle celebrazioni di febbraio sono noti: la soffocante presenza di almeno un migliaio di portatori di ceroni illegalmente accesi, la mancanza di controllo sulle attività delle corporazioni che gestiscono le candelore, l’esistenza di migliaia di venditori ambulanti abusivi”. E poi conclude la nota: ”Sappiamo tutti chi trae i maggiori vantaggi da questo tipo di situazioni”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook