Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

VIDEOPOKER: MAFIA, DIA SEQUESTRA 500MILA EURO IN BENI

VIDEOPOKER: MAFIA, DIA SEQUESTRA 500MILA EURO IN BENI

Dia pone i sigilli a una impresa di noleggio di macchinette di video poker in provincia di Catania. Si tratta dell’Azienda Italia di Alfio Spina e C. Sas che ha sede a Piedimonte Etneo, in provincia di Catania. L'impresa sarebbe riconducibile a Gaetano Liuzzo Scorpo, vicino al Clan Trigila.

Print Friendly, PDF & Email

MAFIA, DIA SEQUESTRA 500MILA EURO IN BENI

Video poker. Il rapporto Gioco d’azzardo e Mafia continua ad arricchire i fascicoli delle inchieste giudiziarie delle Procure d’Italia. Gli agenti della Direzione investigativa antimafia hanno posto i sigilli all’Azienda Italia di Spina Alfio e C. Sas che ha sede a Piedimonte Etneo, in provincia di Catania. Noltre hanno sequestrato un patrimonio del valore di 500 mila euro. Il blitz è stato possibile attuarlo grazie a una complessa attività investigativa condotta dal Centro Dia di Catania, coordinato dal responsabile Renato Panvino. Le indagini hanno acclarato gli interessi illeciti dei Trigila, frangia del cartello criminale siracusano Aparo – Nardo – Trigila, nella gestione e nella distribuzione dei videopoker. Gli investigatori della Dia di Catania ritengono che gli affari illeciti sarebbero stati prodotti attraverso le intimidazioni del Clan Trigila. Secondo gli inquirenti il sistema avrebbe portato a ottenere ingenti profitti alla società di apparecchi elettronici da gioco riconducibile a Gaetano Liuzzo Scorpo, 49 anni, già condannato per concorso esterno in associazione mafiosa alla pena di 7 anni di reclusione. Le investigazioni sono iniziate nel 2011, a seguito del blitz “Nemesi” che ha assicurato alla giustizia 60 affiliati ai Trigila. La Dia è riuscita a bloccare le operazioni illecite della cosca che aveva intenzione di “investire” risorse e incrementare gli introiti con il gioco d’azzardo elettronico. Il clan aveva come punto di riferimento proprio Liuzzo Scorpo, già titolare di 2 società, la Betting Game e la Media Game, che lo scorso novembre sono state confiscate. In totale sono stati sequestrati 40 videopoker presenti in sale giochi ed esercizi commerciali di diverse città della provincia di Catania, Siracusa e Ragusa. Gli agenti hanno inoltre accertato che Gaetano Liuzzo Scorpo, avrebbe sfruttato i suoi agganci con la famiglia mafiosa siracusana e ottenuto il placet, così avrebbe imposto ai titolari degli esercizi commerciali, dove erano installate le apparecchiature elettroniche delle società sequestrate, a chiedere all’amministratore giudiziario il ritiro delle attrezzature da gioco per sostituirli con quelle fornite dall’Azienda Italia di Piedimonte Etneo alla quale oggi sono stati posti i sigilli. Secondo la Dia, Liuzzo Scorpo sarebbe il gestore occulto dell’impresa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook