SICILIA: RENZI DAY

SICILIA: RENZI DAY

Il Presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi vola oggi in Sicilia. La sua è una visita lampo, non programmata. Si tratta di una di quelle visite che il Presidente del Consiglio organizza da se e poi comunica cinguettando attraverso i social network.

Print Friendly, PDF & Email

SICILIA: RENZI DAY

Sicilia. Nel suo viaggio sono previste, prima di sbarcare sull’isola, diverse tappe: prima Napoli, poi Reggio Calabria, dunque la Sicilia. Quindi, la vigilia di ferragosto, Renzi si metterà in viaggio e coprirà un itinerario abbastanza impegnativo e stressante, visto che dovrà compierlo in un giorno. Saranno tempi stretti e contingentati, una visita che ci fa pensare più a dei segnali che a qualcosa di concreto da realizzare, constatato che questo tour de force gli darà la possibilità di intrattenersi forse qualche ora nei luoghi di destinazione. Comunque lui, lo aveva annunciato tre mesi fa quando in piazza a Castelnuovo per una visita in alcuni centri nella provincia di palermo aveva detto che sarebbe tornato in Sicilia ogni tre mesi. Nessuno, però, si aspettava, che tre mesi significasse tre mesi esatti: 14 maggio – 14 agosto. Renzi, tiene fede alla su promessa e torna esattamente dopo tre mesi. L’argomento ufficiale dovrebbe essere la discussione per i fondi Europei, strano ma nella sua agenda non ha nessun incontro con i funzionari e politici che si occupano della spesa europea, almeno non formalmente. Non si può far altro che constatare che il primo ministro pare abbia evitato la visita nel capoluogo siciliano. Le sue visite di oggi saranno in una grande città come Napoli, in un capoluogo di Regione come Reggio Calabria e poi, genericamente, in Sicilia.
La scaletta pare essere programmata con tappe a Gela alle ore 15 (cittadina teatro dell’ultima grande crisi industriale siciliana, quella del petrolchimico) e poi Termini Imerese alle 16,30 (altro simbolo della crisi industriale per effetto della eterna vertenza ex Fiat). La partenza sarebbe stata fissata alle 18 , quindi avrebbe a disposizione circa un’ora e mezza per ogni sito ma compresi gli spostamenti. Forse a Gela troverà anche il Presidente della Regione, Rosario Crocetta che del luogo è originario. Forse lo incrocerà durante la manifestazione, e forse si farà una chiacchierata dietro le quinte o in un luogo riservato. Ma gli incontri, ammesso che si concretizzino non sono ufficiali. Comunque pare che i due rappresentanti delle istituzioni non si possano incontrare ufficialmente. Eppure il presidente della regione siciliana dorrebbe parlargli dei bilanci, degli accordi di desistenza sui contenziosi Stato – regione, dei trasferimenti statali, degli articoli 37 e 38 dello Statuto siciliano (le famose tasse che incassa Roma e spetterebbero alla Sicilia), della riforma del titolo V della Costituzione attualmente in corso e la cui formulazione sembra alquanto sibillina per quanto riguarda le Regioni a statuto speciale. Ma il premier sembra che voglia evitare l’incontro, il confronto formale e istituzionale col presidente siciliano. Il comportamento fin qui sostenuto potrebbe indurre a pensare che fin quando non sarà costretto non vuol proprio pensarci. In fondo c’è già chi controlla i governanti di Sicilia per conto dello Stato. Si chiama Carmelo Aronica, è un prefetto e di mestiere fa il Commissario dello Stato per la Regione Siciliana.

Il tour è pressante, a Gela alle ore 15, nell’aula consiliare del Comune, all’appuntamento con Renzi saranno presenti oltre al sindaco i rappresentanti territoriali Giudice della Cgil, Gallo della Cisl e Mudaro Uil. Ad attendere Renzi oggi alle ore 16, ci saranno proprio i sindaci e sindacati. Infatti, a Termini Imerese, nell’aula consiliare del Comune è fissato un incontro con i segretari generali siciliani di Cgil Michele Pagliaro, Cisl Maurizio Bernava e Uil Claudio Barone. I temi da trattare sono importantissimi e riguarderanno la crisi e la crescita, la mancanza di lavoro e dell’attrazione di investimenti esterni a partire dalle due aree-simbolo delle difficoltà strutturali in cui la Sicilia si dibatte. Inoltre il presidente Renzi, in Sicilia, incontrerà sindaci e amministratori locali delle due aree.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook