RENZI IN SICILIA: “SE RIPARTE IL SUD RIPARTE L’ITALIA”

RENZI IN SICILIA: “SE RIPARTE IL SUD RIPARTE L’ITALIA”

Il premier Matteo Renzi così ha Twittato durante la sua visita in Sicilia: “Primo presidente del consiglio in visita a Gela. Importante non essere l’ultimo. L’#italiariparte se il Sud #cambiaverso. No rassegnazione”..

Print Friendly, PDF & Email

“SE RIPARTE IL SUD RIPARTE L’ITALIA” –

Renzi in Sicilia. In tanti ad attendere Matteo Renzi che intorno alle 16 30 è arrivato a Gela. L’accoglienza è stata calorosa ma in piazza vi erano alcuni contestatori che gli hanno indirizzato qualche fischio. Ad accoglierlo anche il presidente della Regione Rosario Crocetta. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il presidente della regione Siciliana, Rosario Crocetta, si sono incontrati a Gela, al municipio. Crocetta soddisfatto ha evidenziato: “Quella del premier è una visita importante. In Sicilia rimangono due zone di crisi Gela e Termini Imerese. Abbiamo evitato la chiusura del petrolchimico. Ora ci vuole un progetto serio di ripresa che ci salvaguardi anche per il futuro. A Termini dobbiamo riaprire la fabbrica dell’auto”. A Gela, Renzi è entrato in una sala del municipio dove è cominciata una riunione con le organizzazioni sindacali e una delegazione di lavoratori del petrolchimico. I sindacati chiedevano il rispetto dei patti sottoscritti con l’Eni: riattivazione linea 1 della produzione della raffineria, garanzie su salute e lavoro, e rendere attraenti per nuovi investimenti le aree dismesse dell’ex polo petrolchimico di Gela con l’utilizzo dei fondi europei, utilizzazione e svincolo delle royalty petrolifere per progetti di sviluppo economico e produttivo. “L’Eni deve puntare a Gela sulle energie verdi, salvaguardando i livelli occupazionali esistenti – ha detto nel suo intervento a Gela parlando del futuro del petrolchimico Eni – E’ evidente che l’economia di questa città che affonda in radici antiche è legata all’Eni”.
Renzi ha aggiunto: “Non sottovaluto i lavoratori del diretto e dell’indotto e il lavoro svolto da Confindustria nella lotta all’illegalità. La priorità di questa terra è difendere l’investimento puntando sulle energie verdi. Credo sia il core business di Eni in questo territorio. C’è la necessità di contemperare le esigenze imprenditoriali e sociali. Abbiamo la certezza di poter fare di questa terra un punto di innovazione e non un museo del passato. Eni non deve considerare Gela punto del passato, mantenendo il più possibile la quantità e qualità dell’occupazione. Dobbiamo però rovesciare l’approccio – ha concluso Renzi -. Smetterla di pensare che arriva qualcuno da fuori e ci salvi. Il Sud è nelle condizioni di trainare la ripresa del paese. Ci sono limiti storici da correggere ma che non devono essere un alibi. Il mio invito è ad uscire dalla cultura della rassegnazione”. Il premier ha poi annunciato: “Nelle norme dello ‘Sblocca Italia’ ci saranno interventi per la Sicilia, come ad esempio le infrastrutture ferroviarie Palermo-Messina-Catania ma anche Caltanissetta-Agrigento”. “Occorre innanzitutto semplificare le procedure – ha aggiunto -. Si era convinti che per evitare le forme di illegalità si dovessero complicare le procedure burocratiche. Sono state un freno invece per chi fa le cose per bene. Il 29 agosto affronteremo il decreto ‘Sblocca Italia”. Il 14 novembre in Sicilia – ha concluso – presenteremo i contratti di sviluppo, 9 sono stati firmati per 420 milioni di investimenti previsti’.
Matteo Renzi alle 17.50 dopo la visita a Gela è arrivato a Termini Imerese: è stato ricevuto dal prefetto Cannizzo e dal sindaco di Termini Imerese, Burrafato. Quindi dopo un saluto ai lavoratori è entrato nella sala consiliare. Piazza Duomo era presidiata dalle forze dell’ordine che hanno predisposto il servizio di sicurezza. La città, tuttavia, era vuota per via del Ferragosto. Pochi curiosi hanno atteso Renzi oltre le transenne disposte davanti al Comune. Il premier ha incontrato il sindaco, Salvatore Burrafato, e i segretari regionali di Cgil, Cisl Uil, Michele Pagliaro, Maurizio Bernava e Claudio Barone per fare il punto sul futuro dello stabilimento ex Fiat dopo il disimpegno del Lingotto che ha chiuso la fabbrica il 31 dicembre 2011. Accanto all’unico chiosco aperto un operaio edile, Angelo Benigno, era lì a mostrare un cartello di benvenuto al presidente del Consiglio con la scritta: “Benvenuto presidente, lei è l’ultimo baluardo di democrazia. Dopodiché il baratro, cioè eterni disoccupati. Grazie”. In un altro cartello era scritto: “Il lavoro è l’unica forma di libertà. Il lavoro è dignità”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook