Archiviato in | Politica, Politica Regionale

RENZI IN SICILIA: LETTERA APERTA DI GIBIINO AL PREMIER

RENZI IN SICILIA: LETTERA APERTA DI GIBIINO AL PREMIER

In occasione del viaggio in Sicilia del premier Matteo Renzi, il senatore Vincenzo Gibiino, membro del Comitato dIl senatore Vincenzo Gibiino membro della presidenza di Forza Italia e coordinatore azzurro in Sicilia scrive una lettera aperta al Presidente del consiglio dei ministri

Print Friendly, PDF & Email

LETTERA APERTA DI GIBIINO AL PREMIER

Renzi in Sicilia: Il senatore Vincenzo Gibiino, membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia e coordinatore azzurro in Sicilia in occasione del viaggio in Sicilia del Presidente del consiglio dei ministri scrive una lettera aperta al Premier Matteo Renzi:
“L’Italia potrà superare la grande crisi economica, le proprie enormi difficoltà, solo se ogni sua area geografica sarà messa nelle condizioni di portare il proprio contributo alla causa della ripresa. Il Nord ha bisogno del Sud (e non solo viceversa), il superamento dell’Italia a due o più velocità è condizione necessaria per affrontare e vincere una sfida epocale. Il governo Renzi punti a normalizzare un Mezzogiorno troppo spesso depredato, sovente lusingato, quasi mai valorizzato. La lotta alla burocrazia e all’illegalità annunciata da Matteo Renzi è certamente pilastro imprescindibile, ma da sola non basta. Il tessuto produttivo del Mezzogiorno deve avere tutti gli strumenti necessari per fare rete, per competere, a partire da una infrastrutturazione adeguata. Fare impresa al Sud, in Sicilia e in Calabria in particolare, è oltremodo faticoso e antieconomico, per la distanza dai mercati europei, per la debolezza di quelli locali, per una tassazione esagerata che strozza le pmi, il mondo artigiano”.
Nella missiva Gibiino evidenzia che: “Il problema è particolarmente ampio e diversificato, e proprio per questo serve una programmazione vera e non fantasma – aggiunge- che punti al potenziamento delle reti viarie, ferroviarie, delle autostrade del mare, di una logistica che consenta finalmente di sfruttare la centralità della Sicilia nel Mediterraneo per intercettare i traffici provenienti dall’oriente. Poi conclude: “A facilitare l’opera di crescita e di razionalizzazione del sistema infrastrutturale possono essere i grandi investitori privati, con la finanza di progetto. Il governo non si fermi a qualche iniziativa spot, aiuti invece il tessuto imprenditoriale a fare sistema, facilitando altresì l’accesso al credito a coloro che hanno ancora il coraggio di rischiare, di mettersi in gioco, di creare occupazione”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook