Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

STROMBOLI (ME): TERREMOTO CON INTENSA ATTIVITÀ ERUTTIVA

STROMBOLI (ME): TERREMOTO CON INTENSA ATTIVITÀ ERUTTIVA

Una scossa di terremoto 3.1 è stata registrata al largo di Milazzo, a est di Lipari, mentre Stromboli ed Etna continuano ad eruttare magma La scossa è avvenuta alle 11.26. Anche l'Etna è in piena attività, con un'eruzione che continua senza sosta dal 5 luglio. Intanto, sul cratere dello Stromboli, nelle Eolie, si è aperta una nuova bocca.

Print Friendly, PDF & Email

TERREMOTO CON INTENSA ATTIVITÀ ERUTTIVA –

Stromboli. Forte attività esplosiva mista gas che fuoriesce dalla bocca del vulcano Stromboli, dove viene registrata in queste ore una copiosa emissione di lava che fuoriesce da una nuova bocca che alimenta diverse colate che raggiungono la linea di costa. Intanto, una scossa di terremoto 3.1 è stata registrata al largo di Milazzo, a est di Lipari, mentre Stromboli ed Etna continuano ad eruttare magma. La profondità dell’epicentro è stata individuata in 179.7 km. La scossa è avvenuta alle 11.26. Anche l’Etna è in piena attività, con terremoto_sud_stromboliun’eruzione che continua senza sosta dal 5 luglio. Sul cratere dello Stromboli, nelle Eolie, si è aperta una nuova bocca. L’eruzione è particolarmente violenta e nello stesso tempo spettacolare, sull’isola sono sbarcati migliaia di visitatori mentre le autorità hanno sospeso le escursioni. Tante sono le barche e i natanti che trasportano turisti che si fermano ad ammirare lo spettacolo nello spazio di mare vicino alla Sciara del fuoco. La nuova bocca eruttiva si è aperta nella parte alta della Sciara del fuoco, a una quota di circa 650 metri, da dove fuoriesce un’abbondante quantità di lava. Il flusso ha formato un ampio campo lavico che ha ricoperto completamente il pianoro di quota 600 metri.Dal cratere partono diversi bracci di lava ben alimentati, che hanno raggiunto rapidamente il mare: uno dei due bracci si è sovrapposto al campo lavico del 2007, mentre l’altro scorre nella parte centrale della Sciara del Fuoco.

 

Il centro funzionale centrale per il rischio vulcanico del dipartimento della Protezione civile ha confermato il persistere di una criticità elevata sul vulcano e ha ha chiesto ai centri di competenza, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Università di Firenze, di intensificare il monitoraggio fino a 24 ore su 24 e garantire la presenza di personale tecnico specializzato sull’isola. Il sindaco Marco Giorgianni ha attivato il Centro operativo comunale e ha già preso le prime decisioni per garantire un maggior presidio del territorio, tra cui la sospensione di tutte le attività escursionistiche sul vulcano. Per migliorare il raccordo tra le attività degli istituti, sull’isola sono già presenti due rappresentanti della Regione Siciliana ai quali è stato affidato il coordinamento degli interventi operativi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook