Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: DIA ARRESTA RICERCATO CLAN MAZZEI

CATANIA: DIA ARRESTA RICERCATO CLAN MAZZEI

La Dia infligge un duro colpo al braccio armato della mafia. La sinergia investigativa tra il procuratore Capo Giovanni Salvi e la Dia coordinata da Renato Panvino continua a sferrare duri colpi alla malavita organizzata. Nel corso dell'operazione contro il clan Mazzei denominata Ippocampo è stato arrestato il pericoloso latitante Mario Pappalardo.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: DIA ARRESTA RICERCATO CLAN MAZZEI –

Catania. Grazie alle indagini della Dia, guidata dalla Procura di Catania è stato arrestato durante l’operazione ‘Ippocampo’, uno tra i latitanti eccellenti, Mario Pappalardo. Egli è accusato di appartenere, con ruolo verticistico, all’organizzazione mafiosa denominata ‘Mazzei’ alias ‘carcagnusi’. Gruppo mafioso di cui è capo mafia Sebastiano Mazzei, denominato Nucciu u “caccagnusu”. Il Pappalardo, alla vista degli agenti DIA, avendo intuito di essere circondato, non ha opposto alcuna resistenza. E’ un altro successo della Direzione investigativa antimafia guidata da Renato Panvino, noto per gli arresti di pericolosi ‘ndranghetisti e per aver catturato gli autori della strage di Duisburg. Con il coordinamento del procuratore Capo di Catania Giovanni Salvi è stata conclusa una delle operazioni più importanti degli ultimi anni, riuscendo ad arrestare Mario Pappalardo, latitante sfuggito a diversi tentativi di arresto legato al clan Mazzei che gestivano lo spaccio di droga e le estorsioni in diversi quartieri di Catania.

Il blitz ha visto impegnati anche uomini della Dia romana coordinati dal direttore Arturo De Felice, che ha investito le migliori energie investigative nella lotta alla mafia, soprattutto a Catania. Assieme a Pappalardo, all’interno dell’abitazione, sono state identificate altre tre persone e deferite per il reato di favoreggiamento personale. Durante l’operazione, gli agenti hanno proceduto al sequestro di vario materiale, nonché al sequestro amministrativo di armi e munizioni, che si trovano al vaglio delle competenti Autorità. Un colpo durissimo inferto al braccio armato della mafia proprio nel momento in cui il clan ‘Mazzei’ si trova all’apice della sua influenza controllando importanti attività imprenditoriali e il mercato del pesce di Catania, considerato il più cospicuo del meridione. Nell’ambito catanese la famiglia dei ‘carcagnusi’ è considerata tra le più pericolose e spietate attraverso la quale, i sodali, esercitano l’egemonia criminale nei loro territori di competenza. Il clan detiene un patto con il clan agguerrito dei “corleonesi”, che hanno insanguinato con le loro azioni la città di Palermo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook