Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: DOPO ASPRE DISCUSSIONI LA MANOVRA TER È SALVA

ARS: DOPO ASPRE DISCUSSIONI LA MANOVRA TER È SALVA

Stamane in aula, intorno 5.30, dopo un dibattito scalmanato con la maggioranza di Crocetta sconfitta su diversi punti la manovra ter è passata. La manovra consentirà il pagamento degli stipendi e si al contributo di solidarietà, buona parte della seduta è stata dedicata alla discussione sull'articolo 27 della manovra, che prevede il finanziamento a enti e associazioni. Prima della finanziaria i deputati regionali hanno approvato anche il ddl sui testimoni di giustizia.

Print Friendly, PDF & Email

DOPO ASPRE DISCUSSIONI, LA MANOVRA TER È SALVA –

Ars. La discussione in aula del documento finanziario è stata caratterizzata da duri scontri tra parlamentari, insomma, le solite tensioni, ma alla fine l’Assemblea regionale siciliana all’alba ha approvato la terza manovra finanziaria dell’anno. Il punto si è concretizzato al termine di un iter particolarmente esasperato da contraddizioni, insulti ed espulsioni che ha visto il governo di Rosario Crocetta battuto più volte in aula. Inoltre, buona parte della seduta è stata assorbita dalla discussione sull’articolo 27 della manovra, che prevede il finanziamento a enti e associazioni. L’atto è stato approvato con 42 voti favorevoli, 21 contrari e un astensione. Poco prima della finanziaria l’aula ha approvato anche il ddl sui testimoni di giustizia.
Il documento finanziario consentirà il pagamento degli stipendi, grazie anche all’accensione di un nuovo mutuo da 55 milioni. L’Ars ha approvato anche il ‘contributo di solidarietà’ sulle pensioni che prevede, per le pensioni comprese tra 50 a 65 mila euro una decurtazione del 5%, le pensioni tra i 65 mila e i 91 mila euro saranno sottoposte al prelievo del 5,5%, per le pensioni più alte si applicherà la norma nazionale.

Scambio di insulti tra il deputato del Partito dei Siciliani Giovanni Greco e il democratico Franco Rinaldi. Greco, durante il suo intervento, è stato più volte interrotto. I due si sono insultati con parole ‘grosse’. Poi, Greco, rivolgendosi a Rinaldi ha detto “Ringrazia il tuo handicap”, alludendo alla disabilità fisica del parlamentare: a quel punto il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone lo ha espulso motivando la dura decisione “Certi atteggiamenti o oltraggi non sono ammissibili” e ha invitato i commessi a ritirare la tessera di voto al parlamentare e a impedirgli l’accesso all’aula per tutto il resto della seduta. Al termine della seduta il presidente Giovanni Ardizzone ha rinviato la seduta dell’aula all’undici agosto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook