GELA (CL): ENI, OPERAI IN PIAZZA PER IL LAVORO

GELA (CL): ENI, OPERAI IN PIAZZA PER IL LAVORO

Davanti il corteo la leader della Cgil, Susanna Camusso, il segretario regionale della Cisl Maurizio Bernava, assieme ai sindaci e amministratori locali. Gli organizzatori stimano la presenza di circa 15mila persone che sfilano in corteo contro la chiusura dello stabilimento Eni.

Print Friendly, PDF & Email

 GELA (CL): ENI, OPERAI IN PIAZZA PER IL LAVORO

Gela. E’ partito dal museo civico di Gela il lungo serpentone formato dai lavoratori del petrolchimico e dell’indotto dello stabilimento Eni. La manifestazione per protestare contro la paventata chiusura della raffineria. Secondo le stime degli organizzatori sono presenti almeno 15 mila persone, operai con bandiere di tutte le sigle sindacali della categoria, c’è anche la sezione Marinai di Gela. A chiudere la manifestazione tir del settore agroalimentare. Il lungo corteo è diretto a piazza Umberto, dove è atteso l’intervento della Camusso. Lungo tutto il tracciato sono affissi manifesti con la scritta: “Il lavoro è l’unica forma di libertà dell’uomo”. In testa al corteo ci sono la leader della Cgil, Susanna Camusso, e il segretario regionale della Cisl, Maurizio Bernava, assieme ai delegati territoriali dei sindacati e numerosi rappresentanti dei comuni, del consiglio comunale di Gela e dei centri limitrofi. In piazza anche il nuovo vescovo di Piazza Armerina monsignor Rosario Gisana, i lavoratori, ma anche tantissimi cittadini. Per la Camusso, “è indubbio che il piano che l’Eni ha presentato è particolarmente pesante oltre che sbagliato rispetto a tutto il Mezzogiorno, ma questa è esattamente una delle ragioni per cui chiediamo invece all’Eni una politica industriale di sviluppo che parta dal salvaguardare questo territorio e questa raffineria che è uno dei territori più infrastrutturato d’Italia. Non si capisce perché in un Paese che ha un drammatico problema di infrastrutture si cominci ad abbandonare proprio quello che le infrastrutture le ha”.

Il segretario generale della Cgil ha anche aggiunto: “è chiaro che alcune grandi vertenze che sono concentrate sulla Sicilia hanno determinato una grande incertezza rispetto al futuro e sicuramente non hanno aiutato a colmare quella distanza che già c’era fra presente industriale e futuro industriale, e questa è una ulteriore ragione per dire che rispetto a Gela non solo non si può smantellare ma bisogna moltiplicare gli investimenti”. Tante domande sono state poste al leader della Cgil poi al quesito posto, se Gela corre il rischio di trasformarsi in un’altra Termini Imerese, la Camusso ha risposto: “Termini Imerese, sia per la Regione Sicilia, sia per il ministero dello sviluppo economico, rappresenta l’incapacità di dare attuazione a un progetto di reindustrializzazione tante volte annunciato. Questo significa non avere un’idea di cosa farà questo Paese. L’industria è stata ampiamente ridimensionata. Ormai siamo più vicini alla soglia critica che alla tranquillità di rimanere il secondo paese industriale d’Europa”. Poi aggiunge: “il nostro obiettivo è che ci sia un altro piano industriale che parta dalla conferma degli investimenti convenuti l’anno scorso, che aggiunga investimenti, che continui a fare in questo impianto di grande qualificazione di raffinazione di petrolio che si estrae e che abbia anche grande attenzione all’ambiente e alla prospettiva del territorio”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook