Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FORCONI BLOCCANO IMBARCADERI A MESSINA

FORCONI BLOCCANO IMBARCADERI A MESSINA

Per ora nessun blocco al porto di Messina, è gesto dimostrativo dei forconi all'approdo dei traghetti: scaricati a terra ortaggi e frutta provenienti dalla Tunisia. Mariano Ferro leader dei Forconi ha affermato: "i pomodorini tunisini non entrano - non possiamo competere con i loro prezzi"

Print Friendly, PDF & Email

FORCONI BLOCCANO IMBARCADERI A MESSINA

Forconi. I Forconi tornano in strada per protestare. Questa volta hanno scelto per la loro protesta l’approdo dei traghetti al molo San Francesco a Messina, luogo, dove vengono smistate le merci in arrivo e in partenza dalla Sicilia. Quindi, per ora, nessun blocco, come si temeva, ma una protesta dimostrativa. Infatti i manifestanti hanno scaricato a terra diversi chili di ortaggi e frutta, e in particolare dei pomodori ‘ciliegino’, provenienti dalla Tunisia. Sul posto sono presenti vigili urbani, polizia e carabinieri che stanno monitorando la protesta che non ha procurato alcun problema di ordine pubblico. Il leader dei Forconi, Mariano Ferro, ha sottolineato che: “il settore dell’agricoltura sta affondando, il problema è che nessuno fa niente. Spero che il governo nazionale faccia qualcosa perché siamo in ginocchio. Questo pomodoro che abbiamo gettato a terra viene da Tunisi e noi con i prezzi dell’Africa non possiamo competere. In Marocco sono pronti con un piano di un milione di ettari per produzione di ortaggi noi saremo sommersi e non potremo fare niente perché loro fanno concorrenza sleale”. Poi Ferro ha aggiunto: “ci sono delle norme di salvaguardia e dei trattati con il Marocco per prezzi e quantità: se nessuno le fa rispettare noi siamo rovinati. L’agricoltura è uno dei settori trainanti per la nostra regione se lo stato non ci tutela centinaia di aziende saranno costrette a chiudere”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook