Archiviato in | Politica, Politica Regionale

CATANIA: LA SEZIONE DEL TAR RESTA IN CITTA’

CATANIA: LA SEZIONE DEL TAR RESTA IN CITTA’

La sezione del Tribunale amministrativo di Catania non sarà soppressa ma resterà in città. E’ passato in commissione Affari costituzionali l'emendamento che mantiene le sezioni staccate del Tar che si trovano nelle città sedi di corti d'appello. Ora si aspetta l’approvazione definitiva alla Camera e al Senato.

Print Friendly, PDF & Email

CATANIA: LA SEZIONE DEL TAR RESTA IN CITTA’

Catania. Le sezioni staccate del Tar che si trovano nelle città sedi di corti d’appello non saranno soppresse. Infatti, la commissione Affari costituzionali della camera ha approvato l’emendamento al dl Pa che sarà votato da Camera e Senato. Quindi le sedi del Tar di Catania, Bolzano, Brescia, Lecce, Reggio Calabria e Salerno resteranno al loro posto. Per quanto riguarda la soppressione delle altre sedi è stata rinviata al luglio 2015.”Grande soddisfazione” è espressa dal sindaco Enzo Bianco: “È stata la vittoria di una strategia partita da lontano – osserva Bianco – visto che già il 23 giugno scorso avevamo chiamato a raccolta nel Palazzo degli elefanti la deputazione e le forze sociali ed economiche dell’intera Sicilia orientale. Tutti avevano sottoscritto un documento inviato a Napolitano, a Renzi, ai ministri competenti e ai gruppi parlamentari e in cui si spiegava come la soppressione del Tar non rispondesse ad alcun requisito di risparmio ed economicità. È stata una battaglia vinta con il concorso di tutti, dai parlamentari di ogni forza politica al mondo produttivo della Sicilia orientale, che in queste settimane hanno fatto fronte comune”. Il deputato del Partito democratico, Giuseppe Berretta che ha presentato l’emendamento è intervenuto: “Sono estremamente soddisfatto per l’esito del voto che permette anche a Catania di salvare la sezione del Tar: è una vittoria per tutta la nostra città. Aver vinto questa battaglia in Commissione ora dà molta fiducia per l’approvazione definitiva del testo che andrà in Aula. La salvaguardia del Tar di Catania è un’esigenza molto sentita non solo dagli operatori del sistema giudiziario ma da tutti i cittadini delle province della Sicilia orientale, che sarebbero fortemente penalizzati dalla chiusura di questo importante e fondamentale presidio di legalità”. Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha aggiunto: “Avevo avuto numerosi incontri a Roma con il il ministro Andrea Orlando e il sottosegretario alla Presidenza Graziano Delrio. Ero stato ascoltato dalla Commissione presieduta da Francesco Paolo Sisto e già cinque giorni fa avevamo avuto ampie rassicurazioni sul fatto che la sede di Catania del Tribunale amministrativo regionale sarebbe stata mantenuta. Sono rimasto in costante contatto sia con Emanuele Fiano, relatore del decreto in Commissione, sia con il sottosegretario alla Pubblica amministrazione Angelo Rughetti, fino alla votazione. La strada scelta è stata quella di apportare al Decreto legge che prevedeva l’eliminazione di tutte le sedi distaccate dei Tribunali amministrativi regionali, un emendamento per non abolire i Tar delle città sede di Corti d’appello”. Il Tar di Catania, è tra i più oberati di lavoro, infatti è il terzo d’Italia, dopo quelli di Roma e Napoli, mentre risulta essere il secondo per carichi pendenti dopo quello di Roma. Serve inoltre cinque province siciliane su nove, più di metà della Sicilia, in un territorio dove sono ubicate tre Corti d’appello.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook