GELA (CL): ENI, LAVORATORI IN CORTEO

GELA (CL): ENI, LAVORATORI IN CORTEO

Le maestranze non si fidano delle parole dell'amministratore delegato Descalzi, secondo il quale, l'Eni non intenderebbe né chiudere lo stabilimento né ridurre i posti di lavoro ma diversificare la produzione con investimenti anche più consistenti. Sindacati e lavoratori sottolineano che: "in Africa l'azienda investe 50 miliardi, qui taglia migliaia di posti - Non vogliamo andare in Mozambico"

Print Friendly, PDF & Email

GELA (CL): ENI, LAVORATORI IN CORTEO

Gela. Un corteo di mille lavoratori in segno di protesta contro l’annunciato disimpegno dell’Eni. A capo dei manifestanti un polemico striscione con la scritta: “Non vogliamo andare in Mozambico”, portato al seguito dei dimostranti per le vie della città. Il serpentone umano è partito dalla raffineria per poi fermarsi all’imbocco della strada a scorrimento veloce per Catania. Si registrano inevitabili rallentamenti del traffico stradale e disagi tra i viaggiatori. I manifestanti non si fidano delle rassicurazioni pronunciate dall’amministratore delegato, Claudio Descalzi, secondo il quale, l’Eni non intenderebbe né chiudere lo stabilimento né ridurre i posti di lavoro ma diversificare la produzione con investimenti anche più consistenti. In merito alle dichiarazioni dei vertici Eni i dimostranti con rabbia spiegano: “In Mozambico l’azienda va a investire 50 miliardi mentre a Gela taglia investimenti per 700 milioni e migliaia di posti di lavoro”. I vertici dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl evidenziano: “Lo dicevano anche lo scorso anno quando hanno richiesto sacrifici, affrontati subito, in cambio di investimenti di là da venire e ora d’un colpo cancellati. Chiediamo che il governo convochi le parti e che si faccia garante con l’Eni di un serio progetto di lavoro, occupazione e sviluppo per Gela e per la Sicilia”. Da stamane, le maestranze hanno intensificato i blocchi lungo le vie di accesso alla raffineria e creato un nuovo presidio in contrada Ponte Olivo, davanti alla sede siciliana di Enimed, la consociata dell’Eni che effettua ricerche e sfruttamenti dei giacimenti di gas e petrolio. Ora, l’obiettivo è quello di arrivare a bloccare l’attività estrattiva dei pozzi. Intanto, domani sono stati programmati presìdi e volantinaggi alle vie di accesso della città. Il 28 luglio, invece, le segreterie confederali provinciali di Cgil, Cisl e Uil, hanno proclamato uno sciopero generale territoriale, con una manifestazione e corteo che si terranno a Gela. Il 29, invece, scenderanno in piazza le maestranze di tutti i siti delle aziende Eni in Italia per lo sciopero nazionale di comparto che si concluderà con una manifestazione a Roma. Dalla Sicilia è prevista una forte partecipazione di lavoratori con la partenza di decine di pullman diretti nella capitale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook